Turismo, vendute 199.000 «seconde case» nel 2021: aumento del 52%

metropolisweb,  

Turismo, vendute 199.000 «seconde case» nel 2021: aumento del 52%

Napoli. Nel 2021 sono state 199mila le seconde case oggetto di compravendita in Italia registrando un +52% rispetto al 2020 ed un +36% rispetto al 2019 e le proiezioni indicano per il 2022 un incremento di circa il 5,5%.

Volano anche le locazioni brevi ad uso turistico: +27%.

I prezzi sono in aumento (+3%) sia per quanto riguarda le compravendite sia delle locazioni e la domanda supera l’offerta.

L’immobiliare si conferma dunque un settore sempre più strategico per la crescita del Turismo in Italia. È quanto emerge dal Report Immobiliare Nazionale Fiaip (Federazione italiana agenti immobiliari professionali) sulle locazioni brevi ad uso turistico delle principali località italiane suddivise per sezioni (Mare, Borghi, Città d’Arte, Isole, Campagna, Montagna e Laghi), presentato a Napoli.

Il mercato immobiliare turistico, pertanto, è in continua crescita: le locazioni turistiche sono in aumento per il sesto anno consecutivo ed è previsto un ulteriore incremento, “grazie sia all’allungamento della stagionalità sia al crescente interesse di immobili ubicati in borghi o zone limitrofe alle grandi città.

A conferma di ciò, aumenta per il 42,6% la domanda di affitto sia nei mesi estivi che invernali”. Secondo la Fiaip è “di particolare rilievo il fatto che il significativo incremento delle locazioni brevi ad uso turistico non avviene a discapito delle strutture ricettive tradizionali (alberghi, agriturismo ecc..) confermandosi una forma di ricettività non concorrenziale ma alternativa alle stesse, in ampliamento dell’offerta turistica nazionale”.

Le famiglie italiane prendono in affitto immobili in media per una settimana, seppur in crescente aumento la richiesta per due settimane, in particolare nei mesi estivi nelle località marine, con prezzi medi degli immobili registrati nel 2022 tra 1000 -1500 euro/settimana in agosto contro un 500-750 euro/settimana del mese di giugno.

“Il Report conferma un mercato immobiliare Turistico molto dinamico – dichiara Osvaldo Grandin, vicepresidente del Centro Studi Fiaip – con un deciso aumento della richiesta sia di locazioni turistiche che di acquisti di seconde case da destinare ad affitti brevi. Inizia a scarseggiare l’offerta soprattutto nelle località più quotate e in relazione a tipologie di pregio con conseguenti rialzo dei prezzi”.

“Significativo registrare – sottolinea Francesco La Commare, Presidente del Centro Studi Fiaip – come la scelta del turista per la locazione breve sia dettata, non tanto da motivi di risparmio economico, ma dall’esigenza di maggiore autonomia, libertà, comodità, e con l’intenzione di trascorrere una vacanza più dinamica, a discapito di alcuni servizi, confermando come il segmento delle locazioni turistiche non rappresenti una forma di ricettività concorrenziale ma alternativa rispetto alle strutture ricettive tradizionali”

CRONACA