Balzo Covid, l’incidenza sopra quota 1.000 in 11 Regioni

metropolisweb,  
Ancora oltre 100mila casi. Aifa,crescono prescrizioni antivirali

Balzo Covid, l’incidenza sopra quota 1.000 in 11 Regioni

Roma. Boom dei contagi Covid in Italia con un’incidenza che questa settimana a livello nazionale sfonda quota mille per ogni 100mila abitanti. Una soglia che è già stata superata in 11 regioni, con la Campania che ha il valore più alto: 1482,5. E sale ancora l’indice di trasmissibilità (Rt) arrivando a 1,40 (nel periodo 15 giugno – 28 giugno 2022) , in aumento rispetto alla settimana precedente, quando era 1,30.

L’ultimo monitoraggio settimanale sull’andamento dell’epidemia di Istituto superiore di Sanità e Ministero della Salute fotografa dunque un Paese nel pieno della nuova ondata.

L’incidenza è arrivata a 1.071 ogni 100mila abitanti tra il primo e il 7 luglio, rispetto a 763 della settimana precedente. Dopo la Campania, le altre regioni con i valori più alti sono Puglia a 1320,5, Abruzzo a 1291,6, Umbria a 1275,8 e Lazio a 1250,9.

Sono inoltre nove le Regioni classificate a rischio alto: Abruzzo, Emilia Romagna, Lazio, Liguria, Marche, Puglia, Umbria e Veneto. La Toscana compare con una dicitura “non valutabile (equiparato a rischio alto)”. Nessuna regione è a rischio basso.

In una settimana cresce anche la pressione sugli ospedali: aumentano i ricoveri sia in terapia intensiva sia nei reparti ordinari: nel primo caso, il tasso di occupazione sale al 3,5% (rilevazione giornaliera Ministero della Salute al 7 luglio) rispetto al 2,6% (30 giugno) mentre in area medica tocca il 13,3% (30 giugno) rispetto al 10,3% di una settimana prima. Entrambi i valori sono sotto la soglia di allerta.

“Un aumento della congestione delle strutture ospedaliere”, sottolineato anche dal direttore Prevenzione del ministero della Salute, Gianni Rezza, che aggiunge; “anche se per fortuna il tasso di occupazione dei posti in terapia intensiva è ancora relativamente basso”.

“Credo che in queste giornate in cui il numero dei casi è piuttosto elevato bisogna avere più precauzione e più prudenza, questo lo chiediamo a tutti in modo particolare, nei luoghi al chiuso resta raccomandata la mascherina e i più fragili possono fare la quarta dose – ribadisce il ministro della Salute Roberto Speranza – Già oggi le persone con più di 80 anni e quelle che vivono nelle Rsa possono fare il richiamo. Non aspettate settembre, ma fate subito la dose di richiamo”.

E spiega che “c’è un confronto proprio in queste ore e valuteremo come adeguare l’utilizzo dei vaccini, noi abbiamo sempre seguito le indicazioni delle autorità scientifiche in particolare di Ema e di Ecdc”. I contagi quotidiani restano anche oggi oltre 100mila: sono 100.690 quelli registrati nelle ultime 24 ore, secondo il Ministero della Salute. (Ieri 107.240).

Le vittime sono 105 in aumento sulle 94 di ieri. Eseguiti in tutto, tra antigenici e molecolari, 371.874 tamponi con il tasso di positività stabile al 27%. Sono 361 i pazienti ricoverati in terapia intensiva – 18 in più – e 8.632 quelli nei reparti ordinari, in aumento di 80.

In merito ai pazienti ricoverati nelle rianimazioni, inoltre, il 5 luglio erano il 13,5% quelli trovati positivi per Sars-CoV-2, una volta entrati in reparto: di questi il 5,1% aveva sintomi gravi riconducibili al Covid-19. I dati sono quelli del network della Siaarti (Società Italiana di Anestesia, Analgesia, Rianimazione e Terapia Intensiva) elaborati dall’Iss.

Da un report dell’Agenzia italiana del farmaco (Aifa) sugli antivirali contro il Covid emerge infine che sono stati finora oltre 62.600 i pazienti Covid curati a casa con gli antivirali molnupiravir (Lagevrio) e Paxlovid (nirmatrelvir-ritonavir).

Spinte dall’aumento dei contagi, crescono le prescrizioni settimanali: dal 30 giugno al 6 luglio le richieste per molnupiravir di Merck (Msd in Italia) sono aumentate del 22,4% e quelle per Paxlovid di Pfizer del 32,1%. Ma soprattutto, in 14 giorni, sono raddoppiate (+106,9%) le terapie ritirate direttamente in farmacia, le cui prescrizioni sono passate da 4.000 a 8.300.

CRONACA