Furti al Santuario di Pompei, borseggiatore di Torre del Greco incastrato dai filmati

metropolisweb,  
Aveva messo a segno tre colpi in chiesa, bloccato dai carabinieri prima di scappare

Furti al Santuario di Pompei, borseggiatore di Torre del Greco incastrato dai filmati

Pompei. Rubava nel Santuario di Pompei, preso ladro seriale di Torre del Greco: 30 anni, con precedenti alle spalle, era divenuto una sorta di “habituè” della Messa.

Peccato che l’uomo, piuttosto che al Vangelo e alle preghiere verso l’altare, fosse più interessato alle borse e ai portafogli di fedeli e pellegrini.

Nelle ultime due settimane – secondo quanto ricostruito dai carabinieri del Posto Fisso Santuario che, alle dipendenze della Stazione di Pompei, ieri alle 7 del mattino hanno poi acciuffato il ladro – il 30enne torrese avrebbe messo a segno addirittura 3 ricchi borseggi. La tecnica del ladro, secondo le forze dell’ordine, era davvero collaudata.

Una volta adocchiata la vittima di turno, il malvivente le sedeva proprio dietro tra le raffinate panche in legno della Basilica Pontificia di Pompei.

Dopo un’attenta fase di studio, osservazione e attesa, bastava infine una leggera distrazione per colpire: un segno della croce fatto “di troppo”, l’ultimo tardivo saluto alla Madonna, lasciando così borsa o portafoglio incustoditi anche solo per pochi secondi.

E il gioco era fatto. Dopo i 3 furti messi a segno negli ultimi 14 giorni, il ladro è stato fermato giusto in tempo. E quasi all’alba.

Erano infatti le 7 del mattino, il 30enne corallino aveva già preso di mira l’ultimo fedele appena entrato per pregare nel Santuario.

Sono stati ieri i carabinieri del Posto Fisso, già allertati dopo aver visionato le immagini delle telecamere del sistema di videosorveglianza interno alla basilica della «Regina del Rosario», a riconoscerlo e a bloccarlo prima che potesse commettere l’ennesimo borseggio.

Una volta acciuffato, il 30enne è stato infine denunciato a piede libero. A inchiodarlo, nonostante la mascherina chirurgica anti-Covid indossata anche a parziale copertura del viso, anche alcuni “inequivocabili” tatuaggi sulle braccia.

CRONACA