Michele Imparato

Lo Stabia ci prova per Sainz Maza

Michele Imparato,  

Lo Stabia ci prova per Sainz Maza

Si riapre la trattativa tra la Juve Stabia e Max Carlini? Ieri il calciatore di Terracina è stato a Castellammare e, ovviamente, è stato riconosciuto dai tifosi delle Vespe. Probabilmente, Max Carlini ha fatto tappa nella città stabiese per salutare diversi amici ma non è detto che non sia anche stata l’occasione per ascoltare da vicino la proposta del ds Di Bari. Il “Conte Max” ha un altro anno di contratto col Catanzaro ma non farebbe resistenza nell’andare via tanto più che tornare alla Juve Stabia dove è stato trattato come un re dai tifosi durante la magica annata della promozione in serie B. Non resta che aspettare e se son rose… fioriranno. Per quanto riguarda il reparto avanzato, inoltre, circola il nome dello spagnolo Miguel Angel Sainz-Maza. Il trequartista 29enne ha un altro anno di contratto col Gubbio, dove è arrivato Piero Braglia in panchina. La conferma di Sainz-Maza non sembra scontata e in Umbria si dice che lo spagnolo si sta guardando intorno ascoltanto varie richieste che sono arrivate dalla Lega Pro. Del resto Sainz-Maza è uno che in C ha buon mercato. Anche la Juve Stabia avrebbe fatto un pensiero sul duttile centrocampista che può giocare sia dietro le punte che da esterno sulla fascia sinistra. Nell’ultima stagione Sainz-Maza ha segnato 3 gol e dato 7 assist. Molti lo ricordano per il suo passato alla Cavese e al Foggia. Sul fronte uscite il difensore Cinaglia è sempre seguito dal Taranto e dalla matricola Giugliano. Il Taranto, inoltre, punta forte su Tommaso Ceccarelli. L’esterno offensivo delle Vespe potrebbe rescindere il contratto e a quel punto firmare subito per i pugliesi. Fase di stallo, infine, nella trattativa tra la Juve Stabia e la Fidelis Andria per lo scambio Davì-Di Piazza. Il ds Giuseppe Di Bari sta limando coi procuratori dei due calciatori e con Federico, ds dell’Andria per trovare le condizioni giusti per chiudere l’operazione. Dopo Ercolano arriva il secondo acquisto in casa della Turris. Si tratta di Andrea Invernizzi (classe 2000). Milanese d’origine, ha sottoscritto con il club corallino un accordo valido fino al 30 giugno 2023 che fissa, altresì, le condizioni per il rinnovo per un’ulteriore stagione sportiva. Centrocampista dalla propensione offensiva, tatticamente duttile e capace di ricoprire più ruoli, dalla mezzala al laterale sinistro, Invernizzi è cresciuto nel vivaio del Milan per poi passare alla Primavera dell’Ascoli. Dal Club marchigiano è stato trasferito prima in prestito e poi a titolo definitivo al Seregno, nelle cui fila ha disputato le ultime tre stagioni contribuendo alla promozione dalla serie D alla C (29 presenze, 2 gol e 3 assist) e collezionando 32 presenze e 1 gol nell’annata 2021-22 tra i professionisti. Queste le sue prime parole da neo calciatore della Turris: “Sono affascinato dal progetto della società, che vuole replicare quanto di buono fatto nell’ultima stagione, e dalla possibilità di confrontarmi con il livello tecnico della serie C al Sud, in un girone con molte piazze calorose cui non è da meno Torre del Greco”. @riproduzione riservata

CRONACA