Torre del Greco, furgone «scivola» nelle acque del porto. Era entrato in un’area «chiusa»

metropolisweb,  
La sbarra d'accesso misteriosamente aperta, la rabbia degli operatori portuali: «Qui terra di nessuno»

Torre del Greco, furgone «scivola» nelle acque del porto. Era entrato in un’area «chiusa»

Torre del Greco. Il furgone di una nota pescheria della zona porto «scivola» in mare, sfiorata una tragedia al molo di ponente di Torre del Greco.

È successo alle prime ore del giorno, quando un Fiat Doblò è riuscito a superare la sbarra di accesso all’area demaniale – lasciata «misteriosamente» aperta – e si è accostato pericolosamente alla banchina.

Il conducente è sceso dal furgone, dimenticando di tirare il freno a mano. Il Fiat Doblò è precipitato in acqua, rischiando di travolgere l’uomo.

Immediato è scattato l’allarme, il conducente – in evidente stato di shock – è stato soccorso, mentre grazie all’intervento di una gru il furgone è stato recuperato dalle acque del molo.

La vicenda ha scatenato nuove polemiche tra gli operatori portuali, a causa della completa assenza di controlli in zona: «La sbarra spesso viene “dimenticata” aperta e la capitaneria di porto non effettua i necessari controlli – sottolineano dal molo di ponente – Così i furgoni delle pescherie di Torre del Greco e non solo hanno facile accesso all’area e, specialmente di notte o all’alba, si possono registrare fenomeni illegali come il prelievo di acqua dal mare per “rinfrescare” i prodotti ittici esposti sui banchi delle attività commerciali».

Un fenomeno denunciato in varie occasioni, ma senza risultati. La sbarra resta (misteriosamente) aperta, facilitando l’accesso all’area off-limits.

@riproduzione riservata

CRONACA