Alloggi popolari, bando per le case popolari a Torre Annunziata

Giovanna Salvati,  

Alloggi popolari, bando per le case popolari a Torre Annunziata

E’ stato pubblicato ieri pomeriggio il bando per partecipare alla graduatoria e selezione per ottenere un alloggio popolare. Il via libera è arrivato dalla Regione Campania, che con decreto dirigenziale  da tempo atteso ha approvato l’avviso pubblico per l’inserimento nell’anagrafe del fabbisogno abitativo e nelle relative graduatorie degli aventi diritto all’assegnazione di alloggi popolari. Il bando è stato così rilanciato anche dal Comune di Torre che sul sito istituzionale ha pubblicato il bando con tutti i requisiti necessari consultando il sito istituzionale. Il termine ultimo di presentazione delle domande è stabilito per il giorno 30 settembre 2022 entro le ore 14,00. Le domande andranno presentate esclusivamente on-line sulla piattaforma regionale all’indirizzo: https://erp-territorio.regione.campania.it, autenticandosi con Spid, Cie oppure Cns. «Si precisa – fanno sapere dal Comune di Torre Annunziata – che tutti i componenti del nucleo familiare del richiedente devono essere in possesso dei requisiti e che ogni domanda sarà ovviamente rigettata se non ci saranno i requisiti». Per richiedere informazioni sulle modalità di presentazione della domanda e per assistenza informatica sarà possibile scrivere alla seguente e-mail dedicata: [email protected] Un bando che rappresenta senza dubbio una opportunità in una città dove l’emergenza casa resta una grana. A gennaio era stato il commissario cittadino del Partito Democratico Paolo Persico ad accendere i riflettori sulla questione casa. Aveva infatti chiesto un incontro con l’agenzia Campana di Edilizia Residenziale per risolvere problemi di centinaia di famiglie di Torre Annunziata. Aveva anche inviato una nota al presidente Lebro per un confronto sui temi del funzionamento della nuova agenzia che ha accorpato i vecchi istituti autonomi delle case popolari. «Agli antichi problemi – spiegò nel corso di una riunione Persico – si sono aggiunte le questioni legate alla pandemia e all’aggravarsi di carenze strutturali per la mancanza di risorse di personale. E’ necessario pertanto costruire le condizioni per assicurare un processo, condiviso con gli utenti, forze sociali e attori istituzionali per far sì che queste realtà siano la leva di un nuovo processo di coesione sociale». Ora il bando e l’avviso pubblico che consentirà a tante famiglie di poter partecipare, e almeno sperare, di ottenere una casa in una città dove l’emergenza abitativa continua a restare una delle emergenze da sempre mai risolta e mai affrontata in modo definitivo.

CRONACA