Andrea Ripa

La favola di Anna Longobardi, da Sant’Antonio Abate al Milan

Andrea Ripa,  

La favola di Anna Longobardi, da Sant’Antonio Abate al Milan

Un sogno che si realizza dopo tanti sacrifici a rincorrere un pallone nei campi polverosi della Campania. I primi calci in una scuola calcio di provincia e ora la firma con il Milan. Tutto in pochi anni, una crescita improvvisa. Una scalata veloce fino ad arrivare a quello che è un nuovo punto di partenza. L’esordio con una big come il Pomigliano Primavera e il sogno di giocare una partita in serie A con la formazione granata, poi la convocazione con la Nazionale  – anche se non ancora quella maggiore, per ora la selezione under 16 – e ora l’accordo con una delle squadre più importanti del prossimo campionato di serie A. Nel Milan Femminile pronto a scendere in campo il prossimo 28 agosto per l’esordio in campionato contro la Fiorentina c’è anche un pezzo di Sant’Antonio Abate. Nella rosa della squadra rossonera, anche se ancora inserita nelle selezioni giovanili, anche un fenomeno del calcio di provincia, Anna Longobardi, che nei giorni scorsi ha firmato proprio con la società rossonera. Un passaggio importante per la giovane atleta abatese, cresciuta nella scuola Calcio MS8 di Gragnano. Un passaggio che contribuirà alla crescita sportiva e professionale di uno dei talenti più puri della provincia di Napoli. Anna Longobardi negli anni, oltre alla maglia granata del Pomigliano indossata nella scorsa stagione e a quella rossonera del Milan che indosserà non appena partirà il campionato Primavera delle rossonere, ha vestito anche la casacca del Napoli. Dopo la firma sul contratto con la società partenopea nel 2018 e la nomina di campionessa italiana del torneo “Danone Cup” al centro tecnico federale della nazionale nel 2019, la sua crescita è stata esponenziale. Prima di approdare a Casa Milan, dove ha raggiunto l’accordo con il club gestito dal fondo Elliot, nei mesi scorsi ha preso parte al Torneo Under 16  di sviluppo Uefa che la nazionale Italiana si è aggiudicata in Croazia. Nel gruppo delle ragazze guidate da Jacopo Leandri anche la ragazza di Sant’Antonio Abate che hanno chiuso la competizione con tre vittorie in altrettante gare. Un successo che ha visto tra le protagoniste anche la giovane calciatrice originaria di Sant’Antonio Abate che in pochi anni si è fatta conoscere al grande pubblico grazie alle sue giocate. Non è un caso che anche il Milan, che sul calcio femminile ha avviato una serie di investimenti pronti per aumentare il tasso tecnico sia della prima squadra che quello delle giovanili, da cui dovranno provenire i talenti in grado di rinforzare e consolidare nei prossimi anni il club della “Madunina”. Ad oggi il gap con la Juventus pluricampione d’Italia è ancora troppo grande, ma in casa Milan si sta cominciando a investire sui giovani talenti del futuro. E l’arrivo di Anna Longobardi passata dal Pomigliano al rossonero ne è una testimonianza.

CRONACA