Street Art Festival, a Pompei gli eventi non si fermano

Giovanna Salvati,  

Street Art Festival, a Pompei gli eventi non si fermano

Tre grandi giornate di arte, musica e film per la prima edizione di Pompei Street Festival con artisti internazionali che invaderanno le strade della città di Pompei che diventerà un “Museo a cielo aperto”. Nei tre giorni anche grande musica con i Foja e tanto altro. La data era stata fissata dal 24 al 26 settembre 2021 la prima edizione del Pompei Street Festival ma a causa delle elezioni politiche la rassegna di artisti chiuderà un giorno prima. Una nuova rassegna organizzata da Nello Petrucci, artista e film-maker italiano. Il Festival targato amministrazione Lo Sapio dedicato alla street art, musica, cinema e fotografia. Vedrà la sua seconda edizione nei giorni 22, 23, 24 settembre 2022.  Artisti da tutto il mondo invaderanno le strade di Pompei. Le mura della città diventeranno delle grandi tele per temi attuali come la legalità e la lotta alle mafie. Anticipando di un giorno per non far coincidere con le elezioni del 25 settembre. Il filo conduttore sarà la street art tra la città antica e quella moderna. Da qui il Protocollo di intesa siglato pochi giorni fa tra il comune e il Parco Archeologico. Era stato lo stesso sindaco Carmine Lo Saio durante la presentazione del cartellone di eventi a spiegare «Abbiamo creato un cartellone di eventi rivelatosi alla fine di grande successo. Decine di persone dai comuni limitrofi stanno chiamando nella mia segreteria per complimentarsi per gli spettacoli gratuiti che, ricordo a tutti, solo la città Pompei ha saputo organizzare». A parlare così è il sindaco Carmine Lo Sapio. Il primo cittadino, intervistato da Metropolis, aveva anche aggiunto: «Dopo il grande buio rappresentato dalla pandemia sono finalmente tornate le luci della normalità. Gli eventi sono il motore dell’economia di una città turistica. Per la prima volta, nella storia politica della città, la nuova Pompei ha organizzato eventi di richiamo turistico. Le amministrazioni che non investono nel campo della promozione sono fallimentari”. Il sindaco aveva inoltre disposto l’ingresso ai disabili anche senza prenotazione. Proprio la necessità di prenotarsi on-line, tramite una piattaforma web espressamente dedicata, aveva anche scatenato alcune polemiche. «Le prenotazioni sono delle prescrizioni dettate dalla commissione dei pubblici spettacoli che, per ragioni di sicurezza e ordine pubblico, impone un numero limitato” ovvero circa 2mila persone in piazza Schettini “e la garanzia delle vie di fuga” sottolineano ancora da Palazzo De Fusco. Polemiche poi rientrate dopo il successo di queste iniziative che continua ad andare in scena con un team di artisti del panorama nazionale e internazionale.

CRONACA