Holding della droga a Torre Annunziata, restano in cella i 18 indagati del blitz nel rione Poverelli

Giovanna Salvati,  

Holding della droga a Torre Annunziata, restano in cella i 18 indagati del blitz nel rione Poverelli

Si sono tutti avvalsi della facoltà di non rispondere i 18 indagati di Torre Annunziata, finiti in manette venerdì scorso perché accusati di detenzione e spaccio di cocaina, estorsione, detenzione e porto illegali in luogo pubblico di armi comuni da sparo. Si sono conclusi ieri pomeriggio tutti gli interrogatori che si sono svolti per una intera settimana. Adesso attendono il Riesame per potersi difendere dalle pesanti accuse mosse dalla Procura di Torre Annunziata su indagini dei carabinieri della sezione operativa della compagnia oplontina. In manette erano finiti Luigi Sperandeo, 30 anni, Andrea Evacuo, 43 anni, Rita Ferraiuolo, 40 anni, Michele Evacuo, 46 anni, Anna Evacuo, 47 anni, Ilaria Evacuo, 30 anni, Pasquale Evacuo, 26 anni, Italo Evacuo, 24 anni, Maddalena Gemignani, 32 anni, Salvatore Carpentieri, 33 anni, Matteo Fraterno, 26 anni, Michele Colonia, 22 anni, Lucia Gallo, 44 anni, Antonio Langella, 23 anni, Nicola Apuzzo, 35 anni, Gennaro Apuzzo, 30 anni, Maria Perotti, 28 anni, Giovanna D’Acunzo, 26 anni. Donne e uomini, alcuni dei quali accusati anche di aver costretto ragazzini di appena 11 anni a spacciare. E tra i fornitori della droga per le piazze di spaccio ci sono altri due minorenni, all’epoca dei fatti appena 17enni. Per tutti il gip aveva disposto il carcere, ma due donne hanno bimbi sotto i 6 anni e sono state sottoposte al divieto di dimora in Campania. Le indagini sono partite nel dicembre 2018, dopo il ferimento a colpi d’arma da fuoco di un uomo, risultato poi essere acquirente di una piazza di spaccio. Con appostamenti, sopralluoghi e accertamenti tecnici, i carabinieri hanno documentato, fino al marzo del 2019, un grosso numero di vendite di cocaina ad acquirenti provenienti da tutta la provincia di Napoli; a gestire il traffico appartenenti a diversi nuclei familiari, tutti residenti nel rione Poverelli.

CRONACA