Salvini, salta l’incontro a Torre Annunziata “improvvisi impegni”

Redazione,  

Salvini, salta l’incontro a Torre Annunziata “improvvisi impegni”

TORRE ANNUNZIATA  – Matteo Salvini non ha preso parte al previsto incontro elettorale programmato al lido Azzurro di Torre Annunziata, dove si doveva svolgere l’ultima tappa della seconda giornata di iniziative programmate nel suo tour in Campania iniziato ieri. Ad ufficializzarlo è stato il capolista della Lega alla Camera nel collegio Campania 2 al proporzionale, Severino Nappi: “Il motivo – spiega a margine di un intervento con i presenti presso lo stabilimento balneare di Torre Annunziata – è collegato ad improvvisti impegni a Roma. Salvini, mentre stava venendo al lido Azzurro dopo avere partecipato ad un’iniziativa sul tema degli animali domestici, ha avuto una telefonata. Ha provato a spostare gli impegni imprevisti, ma non c’è riuscito. L’appuntamento è però solo rimandato: verrà a settembre nuovamente in Campania”.

È stata proprio Nappi allora a spiegare i possibili riflessi del programma della Lega sull’area torrese-stabiese ai presenti: ”Che è la vetrina – ha detto il candidato al proporzionale alla Camera – del fallimento dei governi di centrosinistra, testimoniata dalla situazione di abbandono e degrado per quanto riguarda le istituzioni e la tutela del territorio; le imprese, il lavoro e le attività che si occupano di turismo e di accoglienza in questo territorio gridano vendetta. L’azione che immaginiamo come Lega per la Campania, è portare questi temi sul versante nazionale, con una rappresentanza finalmente attenta a queste patologie, perché il dramma reale di questa terra è stata la cattiva rappresentanza, che ha impedito di fatto alla Campania di essere rappresentata secondo le sue dinamiche e le sue esigenze.

Noi immaginiamo di utilizzare gli strumenti che sono contenuti nel nostro programma, a partire da flax tax e riduzione delle imposte. Senza dimenticare il tema della sicurezza, leva attraverso la quale si può finalmente edificare una cultura di sviluppo che è sempre mancata, con una capacità di radicamento del territorio, testimoniato dal fatto che la Lega alle prossime elezioni è rappresenta da campani e non da precipitati”.

CRONACA