Morte Regeni, il risultato choc dell’autopsia

metropolisweb,  

Morte Regeni, il risultato choc dell’autopsia

Giulio Regeni fu fermato e portato via dalla polizia egiziana il 25 gennaio al Cairo, probabilmente scambiato per una spia “per via di alcuni contatti sul telefono di persone legate all’opposizione anti-governativa”. A scriverlo è il New York Times che cita, a sostegno della versione, tre funzionari della sicurezza egiziana coinvolti nelle indagini. Se le testimonianze citate dall’autorevole quotidiano americano trovassero conferma, si tratterebbe della prima ammissione in questo senso da parte di esponenti delle autorità egiziane, seppure in forma anonima. Ma c’è di più. Sempre secondo il giornale, un “testimone” sostiene che il fermo dell’italiano sarebbe stato “ripreso da quattro telecamere di sorveglianza” di altrettanti negozi del quartiere: ma la polizia egiziana “non ha ancora chiesto le registrazioni video”. Mentre indiscrezioni trapelate sull’autopsia del ragazzo – stavolta esclusiva dell’agenzia Reuters – hanno fatto emergere nuovi agghiaccianti dettagli delle torture subite da Regeni: il corpo, tra le varie sevizie purtroppo già note, presentava sette costole rotte e segni di scosse elettriche sui genitali. 
 

CRONACA