Vigile urbano contagiato a Torre del Greco, sindacati all’attacco: «Palomba mette a rischio i cittadini»

Redazione,  

Vigile urbano contagiato a Torre del Greco, sindacati all’attacco: «Palomba mette a rischio i cittadini»

Torre del Greco. “La Cisl Fp di Napoli esprime tutta la solidarietà all’operatore di polizia municipale del comando di Torre del Greco, risultato positivo al Covid-19, a cui augura pronta guarigione, ma nel contempo esprime massima preoccupazione per gli effetti che si potrebbero avere per i dipendenti e per la cittadinanza se non si dovesse provvedere ad horas ad avviare, insieme al previsto protocollo a cura dell’Asl Napoli 3 Sud, tutte le procedure di sanificazione dei locali in uso e dei mezzi in dotazione”. Così dichiarano Maria Uccello e Giuseppe Manfredi, segretario provinciale e capo dipartimento funzioni locali Cisl Fp Napoli. “Denunciamo la ‘leggerezza di azione’ messa in campo dall’amministrazione comunale – sottolineano i sindacalisti – nonostante le verbali comunicazioni intercorse e le istanze con cui abbiamo da settimane chiesto più e più volte di dotare il personale di Torre del Greco, di ogni dispositivo di sicurezza, insistendo poi dopo i casi accertati in Città, a partire da mascherine idonee e non quelle di cotone, guanti monouso, gel e igienizzante mani”. Non solo, a oggi, il sindaco Giovanni Palomba si dichiara all’oscuro di notizie sulla positività di un vigile urbano e porta avanti la linea del silenzio rispetto alla necessaria esigenza di trasparenza e comunicazione. In pratica, il primo cittadino si limita al bollettino serale e privilegia la burocrazia rispetto alla salute pubblica.  “Forse si poteva ridurre la sovraesposizione, forse si poteva evitare di bloccare un Comando in una situazione di emergenza, a discapito di una Città già martoriata dal virus, ma è inutile per il momento, recriminare. Ora bisogna trovare immediatamente le soluzioni, affinché si raddoppino, si triplichino le misure atte alla prevenzione del contagio da Covid1-9. Forse è giunto il momento di potenziare la lotta al Coronavirus e di non distrarre agenti e ufficiali in attività che al momento potrebbero senza ombra di dubbio scivolare temporaneamente in secondo piano, visto anche le disposizioni governative nazionali e regionali, in attesa del termine dell’emergenza sanitaria. Per ora, urgono interventi urgenti a tutela del personale al fine anche di limitare ricadute negative sui cittadini, in seguito sarà importante e doveroso capire se e cosa non è stato attuato in ottemperanza delle norme. Questa Federazione pretende ad horas azioni tangibili e risolutive. Di parole ne sono state dette troppe”, concludono i sindacalisti della Cisl fp di Napoli.

CRONACA