Salvatore Dare

Scafati, pronta la nuova giunta Salvati: entrano Porpora e Di Massa

Salvatore Dare,  

Scafati, pronta la nuova giunta Salvati: entrano Porpora e Di Massa

Sarà una donna il nuovo vicesindaco di Scafati. A rilevare il posto di Peppino Fattoruso l’attuale capogruppo leghista Serena Porpora. Psicologa, 27 anni, volontariato animalista alle spalle ed esperienza professionali ancora piuttosto scarne per la giovanissima Porpora, figlia del portavoce cittadino Enzo. Il suo posto in consiglio comunale sarà occupato da Laura Semplice, avvocato e già nota agli addetti ai lavori per le sue radici nella destra sociale, ma soprattutto per essere stata, fino ad un mese dal voto delle scorse comunali, portavoce di Forza Italia a Scafati. Saranno confermati Alessandro Arpaia, Nunzia Di Lallo e Raffaele Sicignano. Via libera anche da Alfonso Di Massa per la sua entrata nell’esecutivo. Il più votato delle amministrative 2019 rileverà deleghe importanti come Commercio, Suap, e Polizia Municipale. Manutenzione, verde pubblico e Villa comunale resteranno alla Lega, e quindi a Serena Porpora. Politiche Sociali saldamente in mano a Raffaele Sicignano mentre i Lavori Pubblici attualmente nelle mani di Antonio Carotenuto andranno ad Arcangelo Sicignano, assieme all’Innovazione Tecnologica. Carotenuto, come primo non eletto di Salvati Sindaco, siederà in Consiglio assieme a Nicola Cascone.Novità assoluta l’ingresso dell’avvocato Grazia Ranucci, in quota “Indipendenti”. Classe 1965, civilista di Nocera Inferiore, la Ranucci è stata indicata da Paolo Attianese. Quest’ultimo conferma l’indicazione, smentendo quindi le indiscrezioni che volevano l’avvocato Pina Marchesano in giunta. «Ho stima per l’avvocato Marchesano, ma non ho mai fatto il suo nome. Erano solo voci messe in giro ad arte». Ringrazia per la fiducia la stessa Marchesano: «Ringrazio chi ha proposto il mio nome ma sono già impegnata nella mia attività professionale». Addio anche alla angrese assessore allo sport Anna De Cola. In questa rimodulazione la sua civica Insieme Possiamo resterà senza assessore di riferimento. Una decisione presa dal sindaco nel momento in cui il nuovo amministratore Acse è stato frutto di una loro indicazione curriculare.Voci di corridoio vogliono il veterano Pasquale Vitiello prossimo alle dimissioni. A far compagnia a Ida Brancaccio un’altra donna, Teresa Cirillo. Vitiello resterà in “stand by” all’esterno, fino a che non potrebbe ricevere chiamata in Giunta, con deleghe importanti come l’Urbanistica, suo pallino da sempre. «L’approvazione del Dup ci consentirà di andare avanti e realizzare i progetti che abbiamo messo in cantiere – così Cristoforo Salvati – Saranno prioritarie, per il nostro ente, le assunzioni di nuovo personale. Tra qualche giorno renderò nota la composizione della nuova squadra di governo, dopo che era emersa la necessità nella maggioranza di rivedere alcuni equilibri. Confido in una nuova fase politica che consentirà di raggiungere gli obiettivi prioritari per la nostra città: illuminazione completa del territorio e pulizia. Proprio in questa direzione abbiamo rinnovato i vertici Acse e rinnoverò la giunta che mi affiancherà in questo secondo anno di lavoro. Ciò che mi preme dire è che le mie azioni sono sempre ispirate dall’interesse collettivo, dal bene comune e dal rispetto della legalità».