Andrea Ripa

La crisi delle imprese vitivinicole tra San Giuseppe Vesuviano e Terzigno: sos a De Luca

Andrea Ripa,  

La crisi delle imprese vitivinicole tra San Giuseppe Vesuviano e Terzigno: sos a De Luca

Il crollo delle vendite e degli affari del settore vitivinicolo ha avuto effetti devastanti anche all’ombra del Vesuvio, dove, nonostante le eccellenze di un territorio in grado di offrire un’ampia varietà di prodotti, l’emergenza Covid ha messo in crisi le imprese. Nei giorni scorsi i presidenti dei cinque Consorzi di Tutela dei vini della Campania – Ciro Giordano (Consorzio Tutela Vini Vesuvio), Cesare Avenia (Consorzio di Tutela dei Vini Caserta), Stefano Di Marzo (Consorzio Tutela Vini d’Irpinia), Andrea Ferraioli (Consorzio Vita Salernum Vites) e Libero Rillo (Sannio Consorzio Tutela Vini) – hanno scritto al presidente della giunta regionale chiedendo un incontro per affrontare l’emergenza della filiera. In particolare, i presidenti dei consorzi di tutela campani rimarcano l’urgenza di una riflessione approfondita e costruttiva, con l’intento di analizzare aspetti e processi cognitivi indispensabili alla progettazione di una programmazione efficace per il rilancio di un settore che risente particolarmente delle conseguenze economiche legate alla pandemia. Punto di partenza sono i quattordici punti già rimarcati nella missiva indirizzata ai vertici regionali nella scorsa primavera, contenente proposte per contrastare gli effetti dell’epidemia ‘Covid-19’. Una serie di interventi urgenti e indifferibili, allo scopo di consentire la tenuta del comparto e per continuare a operare e a effettuare investimenti. Argomenti che sono già stati oggetto di due conference call (il primo con il presidente della Commissione agricoltura, Maurizio Petracca; il secondo con l’onorevole Nicola Caputo, consulente per il presidente De Luca al settore Agricoltura). Attenzione da puntare anche sul Progetto ‘Made in Campania’, un ipotizzato piano straordinario di promozione “istituzionale” per rilanciare l’immagine e la reputazione del comparto agroalimentare campano e del turismo enogastronomico nei confronti dell’HoReCa e GdO campana per rilanciare i consumi regionali. Infine, la richiesta di intervento nell’ordinamento regionale campano, con l’emanazione di un regolamento applicativo delle nuove disposizioni statali in materia di disciplina dell’enoturismo, strumento che aprirebbe una nuova stagione con opportunità di crescita per tutta la filiera.

CRONACA