Castellammare, coppia negazionista sfida i divieti in villa con un fumetto: «La mascherina limita la nostra libertà». Multati

Tiziano Valle,  

Castellammare, coppia negazionista sfida i divieti in villa con un fumetto: «La mascherina limita la nostra libertà». Multati

Hanno sfidato i divieti e l’obbligo di indossare la mascherina e sono tornati a casa con due multe, una a testa, da 400 euro. I protagonisti della curiosa vicenda che si è verificata ieri sera a Castellammare di Stabia sono marito e moglie, rispettivamente di 45 e 44 anni, che hanno atteso l’orario in cui è vietato il passeggio in villa comunale per stringersi mano nella mano e godersi quattro passi sul lungomare. La coppia di negazionisti del Covid-19 era consapevole dei divieti imposti dall’ordinanza del sindaco Gaetano Cimmino, che prevedono la chiusura della villa comunale dalle 18 alle 5 del giorno successivo durante la settimana e l’apertura solo dalle 5 alle 8.30 di domenica. Ed era consapevole anche dell’obbligo di indossare le mascherine, ormai da mesi. Ma ha deciso di sfidare lo stesso le norme anti-contagio, sventolando in faccia ai vigili urbani che li hanno fermati un fumetto dal titolo “Esercita i tuoi i diritti”. In pratica un foglio A4 diviso in due pagine dove sono sintetizzati alcuni articoli della Costituzione, della Carta dei Diritti Fondamentali dell’Unione Europea e leggi dello Stato che – a loro dire – li avrebbero messi al riparo dalla possibilità di vedersi comminare una sanzione.

In particolare marito e moglie hanno detto agli agenti che «l’obbligo di indossare la mascherina è una limitazione del nostro diritto di libertà». Una tesi che tuttavia non ha fermato i vigili urbani guidati dal tenente Donato Palmieri, che hanno provveduto ad elevare due sanzioni da 400 euro l’una, per il mancato utilizzo della mascherina.

La coppia stabiese di negazionisti è andata via annunciando un ricorso contro le multe e lasciando agli agenti di polizia municipale impegnati nei controlli in villa comunale, proprio il fumetto che avevano tirato fuori per difendersi.

Una vicenda quantomeno curiosa, avvenuta proprio nel giorno in cui il Governo ha deciso di dichiarare la Campania zona rossa e Castellammare di Stabia ha fatto registrare altri 100 contagi, che portano il bilancio degli attuali positivi a oltre 1.100. Numeri che sembrano non convincere i negazionisti, che seguendo anche le fake-news pubblicate sui social continuano a pensare che il Covid-19 sia un complotto.

Sta di fatto che dopo settimane in cui i controlli non sono stati sufficienti, l’amministrazione comunale s’è destata e ha chiesto agli agenti di polizia municipale di monitorare con più attenzione ciò che accade in città, soprattutto in relazione agli assembramenti e al corretto utilizzo della mascherina. «Nella giornata di oggi (ieri, ndr) la polizia municipale ha elevato 5 verbali da 400 euro nei confronti di cittadini in giro in strada senza dispositivi di protezione – ha detto ieri il sindaco Cimmino – Multe che vanno a sommarsi a quelle, di pari importo, già inflitte nell’ultima settimana ad altri 26 cittadini beccati senza mascherina dagli agenti di polizia municipale, sotto la guida del comandante Antonio Vecchione, e dalla polizia di stato, coordinata dal primo dirigente Pietropaolo Auriemma».

CRONACA