Portici, raid esplosivo nella notte: bomba distrugge garage

Daniele Gentile,  

Portici, raid esplosivo nella notte: bomba distrugge garage
Il garage distrutto

Portici. Non si arresta la scia di raid e violenze all’ombra della Reggia. A dispetto della zona rossa voluta dal governo per fronteggiare l’emergenza sanitaria legata al Covid-19, i malviventi continuano a seminare il panico lungo le strade di Portici. Arrivando a piazzare perfino una bomba nel cuore della notte, apparentemente senza un destinatario preciso.

È successo intorno alle 00:30 a pochi passi da via Libertà, in una traversa all’altezza del viale Leonardo Da Vinci: l’ordigno rudimentale ha divelto la saracinesca di un garage privato. Secondo la prima ricostruzione delle forze dell’ordine, si tratterebbe di una bomba artigianale piazzata da ignoti contro ignoti. Ma stavolta l’ennesimo raid registrato dall’inizio del 2020 sembra essere avvolto in un fitto alone di mistero: polizia e carabinieri, infatti, non hanno ricevuto alcuna denuncia in merito.

Non è chiaro se il garage preso di mira o la palazzina possa avere a che fare con qualcuno vicino agli ambienti criminali della città. Al momento gli investigatori sono a caccia di indizi: i residenti – i primi a essere ascoltati – hanno affermato di avere sentito esplodere una bomba di notte, ma senza riuscire a indicare alle forze dell’ordine il punto preciso. In commissariato non è arrivata alcuna denuncia specifica e le indagini, per ora, sono a un punto morto.

Secondo quanto finora sommariamente ricostruito dagli uomini in divisa, ci sono poche certezze: non si tratta di una attività commerciale, ma di un garage di una abitazione privata. Sembrerebbe inoltre che il garage sia a disposizione di tutti gli abitanti dello stabile come deposito condominiale. Attualmente gli investigatori non possono neanche affermare con certezza che si sia trattato di una bomba carta: il danno alla saracinesca non è ingente, ma i residenti hanno affermato di avere sentito un’esplosione tremenda nel cuore della notte. Nessuno però, ha denunciato ufficialmente l’accaduto alle forze dell’ordine. Una vicenda piena di zone d’ombra che rischia, inoltre, di rimanere nel dimenticatoio investigativo.

Una nottata movimentata quella di Portici, l’ennesima. Anche in via Aldo Moro una segnalazione ha allertato gli uomini in divisa del commissariato, ma non è stato riscontrato alcun tipo di reato. Gli investigatori hanno pattugliato, come accade da giorni ormai, la zona finita al centro di fatti di cronaca a causa di una serie di reati avvenuti ai danni della auto in sosta: negli scorsi giorni ignoti hanno devastato decine di macchine parcheggiate in strada, sfondando i finestrini e rubando oggetti di poco valore all’interno degli abitacoli. Mentre in un’altra occasione sempre ignoti hanno squarciato le ruote delle macchine, sfruttando la notte.

Insomma, l’emergenza criminalità a Portici continua a essere profondamente radicate e tra un raid e un altro, con l’emergenza Covid da gestire, le indagini diventato sempre più difficili.

@riproduzione riservata

CRONACA