Incidenti sul lavoro: travolto sui binari, operaio napoletano morto a Jesi

Redazione,  

Incidenti sul lavoro: travolto sui binari, operaio napoletano morto a Jesi

Incidente mortale sul lavoro stamattina nei pressi della stazione ferroviaria di Jesi (Ancona). Un operaio di 55 anni, di Afragola (Napoli), dalle prime informazioni, è stato travolto e ucciso da un carrello mentre stava lavorando in prossimità del binario 4. La vittima, lavorava per la ditta Cmc (Centro Meridionale costruzioni) di Casoria (Napoli) che sta eseguendo lavori di restyling nella zona e abbattimento di barriere architettoniche per conto di Rfi. Sul posto i sanitari del 118 e la Polfer. La dinamica dell’incidente è ancora al vaglio della polizia

Secondo una prima ricostruzione, sembra che l’operaio, 55 anni, si trovasse sui binari – caduto o chino mentre lavorava – quando è stato travolto da un escavatore su rotaie: il mezzo era condotto da un altro addetto della stessa ditta della vittima che non si è accorto della presenza del collega a pochi metri, forse a causa dell’altezza della cabina di guida. Gli agenti della Polfer e del commissariato di Jesi stanno acquisendo elementi per ricostruire la dinamica della tragedia. Il cantiere è stato posto sotto sequestro e la salma coperta con un lenzuolo. La ditta campana sta eseguendo lavori alla stazione di Jesi, commissionati da Rfi, anche per abbassare i marciapiedi e posizionare anche un ascensore

CRONACA