La foto dello scandalo, cuccioli lasciati a morire tra i rifiuti di una pineta

metropolisweb,  

La foto dello scandalo, cuccioli lasciati a morire tra i rifiuti di una pineta

Abbandonati tra i rifiuti, chiusi in una busta di plastica e lasciati morire. Ma le volontarie sono arrivate prima e li hanno portati in salvo. E’ l’ennesima storia dell’orrore che si consuma a Terzigno, in pieno Parco Nazionale del Vesuvio, ma questa volta un lieto fine grazie agli angeli del Vesuvio, come le hanno ribattezzate i cittadini. Cumuli di rifiuti che diventano una culla sicura per cuccioli di cane abbandonati senza pensare alle conseguenze assurde. E’ capitato ancora, l’episodio si è verificato nei giorni scorsi. Un gruppo di ragazze, da tempo impegnate nel sociale e con l’hobby per gli animali, setacciano le zone di periferia tra Terzigno, San Giuseppe ed Ottaviano cercando cuccioli abbandonati. In più occasioni hanno provato a lanciare un appello ma caduto, ancora una volta, nel vuoto. La scoperta in uno degli angoli della pineta sfregiato dai trasgressori.

Una montagna di rifiuti di ogni genere, uno schiaffo alla natura ma come se non bastasse tra il cumulo sono spuntati tre cuccioli. “Avevano pochissimi giorni – racconta una delle volontarie – fortunatamente sono riusciti a sopravvivere al freddo facendosi scudo tra i rifiuti e mangiando qualche scarto, ma necessitano di cure e coperte. Chi li ha lasciati qui lo ha fatto ovviamente di proposito, non sono assolutamente scappati come qualcuno ci aveva invece detto, e chi ha commesso un simile gesto deve solo vergognarsi”. Una emergenza più volte emersa nella zona vesuviana, qualche mese fa un cucciolo di randagio fu abbandonato completamente ricoperto di colla, una scena agghiacciante, “chi può essere capace di così tanto orrore non riusciamo a spiegarcelo – continuano – ora li abbiamo trasferiti nel nostro rifugio in attesa di cure, intanto sulla nostra pagina fb abbiamo lanciato una raccolta: servono crocchette, coperte e medicinali”.         

CRONACA