Roma-Napoli 0-2. Doppietta di Mertens, azzurri in scia Champions

metropolisweb,  

Roma-Napoli 0-2. Doppietta di Mertens, azzurri in scia Champions
epa09088837 Napoli's Dries Mertens (R) celebrates with Napoli's Mario Rui (C) after scoring during the Italian Serie A soccer match between AS Roma and SSC Napoli at the Olimpico stadium in Rome, Italy, 21 March 2021. EPA/RICCARDO ANTIMIANI

Nulla da fare. La Roma proprio non riesce a vincere contro una grande, o una squadra del suo livello, così il Napoli passa all’ Olimpico per 2-0 confermando il trend di questa giornata che ha visto prevalere quasi sempre le squadre in trasferta, e i giallorossi devono forse accantonare il sogno di tornare a giocare in Champions. A meno che non vincano l’Europa League, in cui nei quarti troveranno un Ajax che oggi ne ha fatti cinque al Den Haag e gioca un calcio certamente più spettacolare di quello degli uomini di Fonseca. I quali contro un Napoli ben messo in campo da Gattuso non sono esistiti per un tempo, forse accusando la stanchezza dell’impegno in Ucraina e del viaggio di ritorno (la Roma era rientrata venerdì), e lo 0-2 dei primi 45′ era un risultato fedele specchio del match fino a quel momento. Nella ripresa la Roma ha giocato meglio, ha avuto un occasione in avvio con Pellegrini che poi ha anche colpito un palo, ma ha continuato ad essere penalizzata da un Pedro inesistente fino al momento della sostituzione (incredibile ma vero, ha chiesto spiegazioni al ‘secondo’ di Fonseca) e con Dzeko ancora non al meglio della condizione e poi di nuovo infortunatosi (risentimento al flessore della coscia destra). Per la Roma è inutile appellarsi alle assenze, pur se di uomini fondamentali come Smalling, Veretout e Mhkitaryan (per non parlare di Zaniolo, che non c’è mai stato): contro il Napoli ha perso perché è inferiore all’avversario (all’andata era finita 4-0), che ha giocato meglio e con maggiore convinzione. In particolare, da sottolineare le prestazioni di Insigne e di Zielinski, e visto come ha giocato il polacco non stupisce il fatto che Klopp lo voglia con sé nel Liverpool. L’inizio è di marca azzurra, e la la Roma appare stanca dopo le fatiche d’Europa. Al 27′ Mertens sblocca il match con una punizione dal limite concessa per un fallo di Ibanez. La barriera romanista non sembra posizionata al meglio, Pau Lopez si piazza male, non vede partire il pallone e si muove tardi, così Mertens lo infila sul suo ‘legno’ e fa l’1-0. La Roma accusa il colpo, Cristante continua a sbandare in difesa (si vergogni chi, in settimana, lo aveva paragonato a Di Bartolomei parlando di centrocampisti schierati da difensori centrali ), ne approfitta il Napoli che otto minuti dopo essere andato in vantaggio raddoppia. Insigne sventaglia per Politano partito sul filo del fuorigioco, Pau Lopez è incerto nell’uscita, sponda di testa dell’esterno ex giallorosso per Mertens che è solo in mezzo all’area e segna di testa, non certo la sua specialità, la rete del 2-0, che è anche la sua numero 100 in serie A. Nel secondo tempo il belga uscirà per lasciare spazio a Osimhen, che si metterà in evidenza solo per le litigate con Mancini, ma il risultato non cambia e la Roma, in flessione preoccupante in campionato visto anche com’era andata a Parma, si ritrova al sesto posto mentre il Napoli stacca i rivali di tre punti, con una partita in meno. Anche se l’Atalanta in campionato vola, con un impegno a settimana gli uomini di Gattuso, che ‘puntano’ anche la Juventus, possono sperare di entrare nell’Europa che conta, e allora si vedrà se Aurelio De Laurentiis avrà davvero il coraggio di cacciare l’allenatore.

CRONACA