La sosta selvaggia è un incubo a San Giuseppe Vesuviano, l’appello di RcV: «Si evitino casi come Torre Annunziata»

Andrea Ripa,  

La sosta selvaggia è un incubo a San Giuseppe Vesuviano, l’appello di RcV: «Si evitino casi come Torre Annunziata»

La rissa in via degli Oleandri in città e il barbaro omicidio di Maurizio Cerrato, ucciso per un posto auto a Torre Annunziata, sono state le scintille che hanno fatto scattare l’esposto presentato dai giovani di Rinascita Civile Vesuviana, il gruppo guidato da Francesco Giugliano – già candidato sindaco alle ultime amministrative – ai vertici del Comune per chiedere all’amministrazione di prendere una serie di iniziative destinate a scoraggiare la sosta selvaggia ed evitare che vicende come la maxi rissa di via Degli Oleandri, o peggio ancora come le vicende che hanno macchiato di sangue la città di Torre Annunziata, si verifichino anche a San Giuseppe Vesuviano. Il gruppo accogliendo le numerose preoccupazioni dei residenti di via degli Oleandri, e non solo, ha protocollato un’istanza urgente indirizzata a sindaco, giunta e polizia municipale volta all’apposizione di segnaletica di divieto di sosta lungo entrambi i lati della carreggiata. «Già in passato ci siamo occupati del fenomeno “sosta selvaggia” a San Giuseppe Vesuviano, del tutto ignorato dall’intera classe politica locale, denunciando la vergognosa situazione tra le altre di Via Di Luggo e Via Amendola» –  ha dichiarato il presidente di RcV Francesco Giugliano, il quale sottolinea – «Diverse settimane fa in via Degli Oleandri per poco non ci è scappato il morto, con tanto di rissa con feriti. E’ allucinante che sindaco e giunta, nonostante la gravità dell’accaduto, non abbiano ancora preso provvedimenti. D’altra parte, in circa 8 anni di mandato, la maggioranza Catapano ha lasciato che la cosiddetta “sosta selvaggia” divampasse. Basti pensare che il Comune di San Giuseppe Vesuviano è sprovvisto di servizio di rimozione forzata dei veicoli e non ha “colonnine” per il ticket. Dinanzi alla totale indifferenza dell’amministrazione comunale, non resta che appellarci alla sensibilità del Comandante di polizia municipale, Fabrizio Palladino, affinché prenda gli opportuni provvedimenti: evitiamo che a San Giuseppe Vesuviano si verifichi un nuovo caso Torre Annunziata».

CRONACA