Calcio: Inzaghi, Gattuso e gli altri, è risiko allenatori

Redazione,  

Calcio: Inzaghi, Gattuso e gli altri, è risiko allenatori
Foto Salvatore Gallo Ag. Foto&Fatti

 

I campionati si sono conclusi, i verdetti sono stati emessi a ogni latitudine ma gli interrogativi, sul futuro tecnico della stragrande maggioranza delle squadre di Serie A, restano. Dalla Juve al Napoli, dalla Lazio all’Inter, nessuna panchina è al sicuro. O comunque occupata saldamente. Le eccezioni sono il Milan, che con Stefano PIOLI ha ritrovato la Champions, e la Roma, affidata alla cura di José MOURINHO. Il resto è tutto un rebus. A cominciare dai campioni d’Italia dell’Inter, dove Antonio CONTE ha il contratto per un altro anno, ma quanta voglia di restare in nerazzurro? In ogni caso, l’ingaggio dell’allenatore salentino è talmente alto che difficilmente può essere superato da nuove proposte. Infatti Conte dovrebbe dimettersi e rinunciare ai 12 milioni netti dell’ingaggio. Lo farebbe senza trovare un adeguato compenso altrove? E chi, in questo momento, può permettersi simili cifre se non il Real Madrid? Il rebus più intrigante riguarda il Napoli che ha dato il benservito a Rino GATTUSO, diretto verso Firenze o Roma – sponda Lazio – e sembra pronto ad accogliere Sergio Concaicao, ex ala di raccordo, che ha un bottino di due campionati vinti e due secondi posti alla guida del Porto. Inoltre, da tecnico dei ‘Dragoes’, nel corso degli anni, ha svezzato talenti in serie, come Pereira o Eder Militao, finiti al PSG e al Real. Il nome di Luciano SPALLETTI resta più di una speranza per i tifosi. Simone INZAGHI, fino a qualche settimana fa a un passo dal rinnovo con la Lazio, sembra essere arrivato ai titoli di coda. Negli ultimi mesi, il tecnico – che ieri sera dopo l’ultima partita contro il Sassuolo ha rimarcato senza polemizzare, ma con voce ferma, le ultime vicende – è stato risucchiato in una spirale di voci, smentite, conferme e incontri annullati. A Inzaghi piacerebbe rimanere alla Lazio, così come a Sinisa MIHAJLOVIC non dispiacerebbe lavorare nella città dove vive la famiglia. Il serbo non sarebbe però gradito al ds Tare e dunque la vicenda del suo possibile arrivo si complica. Altro nome che circola per la panchina della Lazio è quello di Maurizio SARRI, sebbene il suo non sia un ingaggio da parametri lotitiani. Inzaghi, dal canto suo, è stato accostato al Tottenham, ma potrebbe finire anche alla Juve, dove Andrea PIRLO non è sicuro della riconferma. O forse lo è, visti i bilanci non proprio floridi della Vecchia signora. L’allenatore bresciano, sempre in discussione nell’arco della stagione, chiude con una Supercoppa italiana e una Coppa Italia vinte, ma anche con la qualificazione Champions conquistata. L’ombra di Max ALLEGRI resta presente. Ivan JURIC, intanto, ha sciolto le riserve: resterà a Verona o andrà al Torino al posto di Davide NICOLA. Difficile vederlo a Firenze o Cagliari. Il club viola avrebbe aperto una trattativa con Paulo FONSECA. SEMPLICI è pronto a salutare Cagliari, mentre restano ancora al palo tecnici come Pippo INZAGHI – che ha salutato Benevento, DI FRANCESCO (sotto contratto a Cagliari) e GIAMPAOLO.

CRONACA