Il sindaco di San Giuseppe Vesuviano trema, la scure dei debiti sul nuovo alleato in consiglio

Andrea Ripa,  

Il sindaco di San Giuseppe Vesuviano trema, la scure dei debiti sul nuovo alleato in consiglio

Non ha ancora messo piede nell’aula consiliare che sulla sua testa pende già la prima polemica. Luigi Parente è il consigliere comunale designato a ridare ossigeno alla maggioranza del sindaco Vincenzo Catapano, rimasta senza numeri dopo l’addio dei tre esponenti del gruppo di Progetto Vesuviano. Le dimissioni di Rosa Miranda, componente del gruppo dei dissidenti, hanno restituito al primo cittadino leghista la possibilità di arruolare candidati che alle ultime amministrative che lo hanno supportato e non sono stati eletti. Peccato che la posizione di Luigi Parente, secondo dei non eletti della lista “Più San Giuseppe”, destinato a entrare in consiglio a seguito del rifiuto di Raffaele Franzese (che ha preferito restare alla guida del consorzio cimiteriale), sia già finita nella bufera. Questo pomeriggio il consiglio comunale per ufficializzare la surroga e il «passaggio» di nuovo in favore di Catapano che può contare su 9 voti utili per portare avanti la sua maggioranza. Rischia di essere una seduta infuocata, con le forze di opposizione pronte a opporsi all’ennesimo ribaltone destinato ad allentare la crisi nella squadra di governo cittadina. Agli la richiesta di documentazione presentata dal capogruppo consiliare di Forza San Giuseppe, Antonio Agostino Ambrosio, pronto a sollevare il caso sulla situazione debitoria del consigliere designato a entrare a far parte del civico consesso nei confronti del Comune. Si tratterebbe di pagamenti non effettuati relativi alla tassa sui rifiuti (Tari) e all’Imu contestate al papà del consigliere, Roberto Parente, deceduto mesi fa e oggi «ereditati» dal figlio. Mancati pagamenti finiti già al centro di accertamenti effettuati dai funzionari del Comune di San Giuseppe Vesuviano e su cui le forze di opposizione sono pronte a battere i pugni per chiedere l’incompatibilità del consigliere che dovrebbe prendere il posto di Rosa Miranda. In una nota indirizzata al capo dell’assise il capogruppo di Forza San Giuseppe ha chiesto infatti se «sussistano cause di incompatibilità o ineleggibilità» in virtù della posizione economica di Luigi Parente. Se ne discuterà oggi in consiglio comunale, la seduta è stata convocata dal presidente Andrea Ementato per le 18,30 in prima convocazione e lunedì prossimo in seconda convocazione. Al centro della discussione oltre la surroga del consigliere dimissionario, c’è la nomina del nuovo vice presidente del consiglio.

CRONACA