L’emergenza furti a Poggiomarino, Fornillo sotto assedio

Andrea Ripa,  

L’emergenza furti a Poggiomarino, Fornillo sotto assedio

Le denunce sono all’ordine del giorno, come le segnalazioni che i residenti della zona si scambiano sulle chat di whatsapp. Due vetri rotti, una tentata incursione nell’appartamento in cui vivono due anziani e un colpo andato a segno a metà. Tanto è bastato per far scattare l’allarme furti anche sul territorio comunale di Poggiomarino, nel rione Fornillo soprattutto dove negli anni scorsi si sono consumati numerosi raid tanto da costringere le forze dell’ordine a un pattugliamento obbligato. Negli ultimi giorni il quartiere alla periferia di Poggiomarino, che porta fino al confine con la vicina Terzigno, è stato assediato da una banda di malviventi. Alcuni finiti anche nelle telecamere di videosorveglianza delle abitazioni della zona. Gli appartamenti presi di mira sono quelli all’inizio del rione, poco distante da un noto supermercato della zona. Lunedì sera i ladri – si tratta di tre uomini con il volto coperto da un cappuccio – hanno tentato di sfondare la porta-finestra di un’abitazione. All’interno c’erano ancora i proprietari che sono stati allertati dal rumore dei vetri infranti. Solo dopo essersi accorti che qualcuno aveva tentato di far irruzione nell’abitazione è scattato l’ennesimo campanello d’allarme che arriva da quel quartiere. Da lì sono scattati i controlli da parte delle forze dell’ordine che hanno ricominciato a pattugliare il territorio con insistenza. Ma il tentativo di rubare in casa, denunciato da una famiglia di anziani alle forze dell’ordine lunedì sera, è soltanto l’ultimo di una serie di raid – compiuti o tentati – consumatisi lungo la strada negli ultimi giorni. Poggiomarino è tra le città che la scorsa settimana hanno chiesto maggiori controlli alle forze dell’ordine. Il primo cittadino, Maurizio Falanga, ha preso parte a un incontro – a cui hanno partecipato altri 9 amministratori – per inoltrare al ministro dell’Interno e al nuovo prefetto di Napoli una richiesta di intensificare gli accertamenti sul territorio.

CRONACA