Napoli, a Varsavia torna Insigne ma Osimhen è fuori

metropolisweb,  

Napoli, a Varsavia torna Insigne ma Osimhen è fuori

La testa della serie A c’è, ora il Napoli deve proseguire la rimonta in Europa League, con la voglia di passare il turno. Dopo il secco 3-0 sul Legia Varsavia al Maradona, Insigne e compagni viaggiano verso la capitale polacca con la vittoria in testa: il Legia è in testa a al girone con 6 punti, seguito da Napoli e Leicester a quota 4: l’obiettivo è ribaltare il girone, sapendo anche che il Leicester proverà a battere lo Spartak dopo aver vinto a Mosca. Spalletti ha in testa il giusto equilibrio dei muscoli e delle squalifiche. Koulibaly dopo il rosso a Salerno è stato squalificato per il match di campionato contro il Verona e quindi giocherà giovedì in Polonia, mentre in campionato il tecnico punta a recuperare Manolas che però oggi ha fatto solo piscina e quindi è più probabile che in campionato insieme a Rrhamani ci sarà Juan Jesus. Davanti può tornare Insigne che oggi ha svolto l’intero allenamento con i compagni, mentre sarà ancora out Osimhen. Il tecnico deve quindi scegliere la prima punta per Varsavia con il dubbio Mertens-Petagna: l’attaccante italiano appena entrato ha colpito la traversa che ha aperto poi la strada al gol partita di Zielinski, ma Mertens ha voglia di giocare per ritrovare il ritmo partita dopo un lungo stop. Per il resto ci sarà il solito mix della rosa azzurra nei tour de force a centrocampo. A Varsavia ci saranno anche i tifosi azzurri, saranno 592 e oggi il Napoli li ha invitati da Twitter a “incitare la squadra rispettando sempre gli avversari sia all’esterno che all’interno dello stadio”. Diverso sarà invece l’allenatore del Legia: da qualche giorno Marek Golebiewski ha sostituito Czeslaw Michniewicz visto che le partite perse sono sei consecutive e il Legia è ora 16mo in classifica, in piena zona retrocessione. In campionato hanno appena perso in casa contro il Pogon e sognano di riprendersi in Europa contro gli azzurri: il Legia è una squadra che sta cercando di ritrovarsi e Spalletti sa che l’occasione è d’oro per riprendere la strada qualificazione.

CRONACA