Torre Annunziata, il Natale da incubo della politica: il sindaco parla da solo in una piazza vuota

metropolisweb,  

Torre Annunziata, il Natale da incubo della politica: il sindaco parla da solo in una piazza vuota

Un sindaco che parla in una piazza vuota, davanti a due vigili urbani, un paio di carabinieri e quattro cittadini. Eccola la foto che racchiude quattro anni di disastri. L’immagine manifesto di ciò che la politica è stata incapace di fare a Torre Annunziata. Una politica lontana dalla gente, lontana dai problemi della città, lontana da ciò che dovrebbe davvero rappresentare. E in questo percorso Vincenzo Ascione ha responsabilità enormi. Forse anche lui si è accorto davvero di aver fallito quando ieri sera, per l’inaugurazione dell’albero di Natale di piazza Cesaro, si è ritrovato solo a parlare a se stesso. I cittadini che attraversavano il corso hanno preferito altre strade piuttosto che ascoltare l’ennesimo discorso trito e ritrito di chi è diventato, in questi anni, il simbolo dell’inefficienza di una politica sepolta dagli scandali giudiziari. Inchieste che però hanno solo messo la croce sulla credibilità di una classe dirigente che negli ultimi 14 anni non è stata capace di raccogliere nessun risultato, facendo sprofondare Torre in un baratro senza fine.    Una città oggi stufa di un sindaco debole e attaccato alla poltrona. Un sindaco rimasto al suo posto a dispetto di ogni logica politica e morale.  «Lo so che molte cose non le abbiamo fatte, grazie ai commercianti si è fatto qualcosa a Natale», ha detto ai quattro gatti che hanno voluto ascoltarlo.  Parole accompagnate dallo stupore quando un blackout ha portato allo spegnimento improvviso dell’albero per altri 5 minuti di imbarazzo. Albero che, come la fiducia nella politica, si è definitivamente spento in serata. Un’immagine pietosa che Torre Annunziata non merita. Sui social la foto del sindaco che parla da solo ha scatenato ilarità e rabbia. La speranza è che però la città, complice col suo voto dei disastri di questa classe politica, abbia finalmente imparato la lezione.

CRONACA