Beffa per gli ambulanti di Poggiomarino, sui posteggi ci sono le giostre

Andrea Ripa,  

Beffa per gli ambulanti di Poggiomarino, sui posteggi ci sono le giostre

La beffa per gli ambulanti di Poggiomarino s’è concretizzata non appena le porte di ferro dell’area mercato di via XXIV maggio si sono aperte. Dietro i cancelli in ferro le preoccupazioni dei venditori sono diventate realtà: sui posteggi dei lavoratori c’erano ancora le giostre che i vertici dell’amministrazione avevano fatto installare settimane fa per consentire ai bambini di prendere parte alle manifestazioni natalizie. Nessuno le aveva ancora rimosse, eppure tutti sapevano – dopo il breve periodo in cui il mercato era stato «spostato» in altro loco – che i venditori avrebbero dovuto riprendere possesso dei posteggi regolarmente pagati al Comune. Nulla da fare, ieri mattina chi avrebbe dovuto occupare le strisce bianche, s’è trovato di fronte ancora scivoli e altalene. Senza poter montare le bancarelle secondo quanto previsto. Dopo momenti di tensione tra gli ambulanti si è trovata una soluzione alternativa. I vigili che avrebbero dovuto assistere i venditori erano impegnati in altre mansioni, per lo più per la gestione agli ingressi delle scuole. Sulla vicenda dei posteggi occupati, il vicesindaco Luigi Belcuore – ieri in strada a discutere con i lavoratori – ha provato a rassicurare i titolari dei posteggi. Al vaglio dell’amministrazione una riorganizzazione degli spazi, garantendo ai bambini di poter godere di un’area in cui giocare e ai venditori ambulanti un posto adeguato in cui continuare a svolgere il proprio lavoro. Il caos scoppiato ieri tuttavia ha riacceso i riflettori sullo stato dell’area mercatale alla periferia di Poggiomarino. Le associazioni di categoria si sono dette infuriate per il trattamento riservato ai lavoratori. L’associazione nazionale ambulanti  (Ana), del presidente Marrigo Rosato, ha denunciato l’accaduto e chiesto spiegazioni ai vertici della squadra di governo locale. «Oltre alla pandemia e alla crisi economica dobbiamo fare i conti anche con questo. Il Comune ha montato un parco giochi  per i bambini negli stalli dedicati agli ambulanti. Non c’era nessuno ad assistere i lavoratori per trovargli una collocazione, vergognoso gestire in questa maniera il mercato. Così si creano soltanto disagi ai venditori ambulanti che fanno mille sacrifci per portare a casa una giornata di lavoro». Anche il presidente degli ambulanti poggiomarinesi ha chiesto un incontro ai vertici della squadra di governo locale, un summit che si terrà tra oggi e domani per discutere delle problematiche degli ambulanti e provvedere a un piano di riorganizzazione degli stalli all’interno dell’area mercato di via XXIV maggio.

CRONACA