Andrea Ripa

Stop ai treni Circum sulla Napoli-Poggiomarino, la rabbia del sindaco di Boscotrecase: «Decisione scellerata e incomprensibile»

Andrea Ripa,  

Stop ai treni Circum sulla Napoli-Poggiomarino, la rabbia del sindaco di Boscotrecase: «Decisione scellerata e incomprensibile»

Stop ai treni Circum sulla Napoli-Poggiomarino, Cangianiello: «Inaccettabile penalizzare i pendolari»
Caos Circum, manca personale: tagliate tutte le corse sulla Napoli-Poggiomarino-Scafati
Disastro Circum, la difesa del presidente Eav: «Ereditata situazione difficile»

Duro affondo del sindaco di Boscotrecase, Pietro Carotenuto, dopo lo stop ai treni sulla linea Napoli-Poggiomarino in vigore da domani e fino al prossimo 31 agosto. Lo stop penalizzerebbe anche i pendolari della sua città, uno stop che il primo cittadino respinge con forza. «Trovo scellerata e incomprensibile la scelta dell’Eav di sospendere la tratta ferroviaria Poggiomarino-Scafati-Napoli fino al prossimo 31 agosto e sostituirla con un servizio autobus nel tratto da Torre Annunziata a Poggiomarino “al fine – si legge nella nota – di concentrare le risorse umane disponibili e consentire il servizio regolare nelle linee dove l’afflusso dei passeggeri è molto elevato”. Per i vertici della società di trasporto ferroviario è possibile “mettere in ferie” una linea ferroviaria e considerare i propri utenti di prima e seconda classe: dove a quelli di prima classe si lascia inalterato il servizio (ed anche su questo avremmo da dire tanto) e a quelli di seconda classe (nonostante paghino lo stesso prezzo del biglietto) vengono lasciati al loro triste destino. Siamo tutti consapevoli, avendolo già sperimentato, che trasferire i pendolari dell’ex Circumvesuviana dal trasporto su ferro a gomma significa scoraggiare ancora di più l’utilizzo del trasporto pubblico locale. In questo modo viene mortificato un intero territorio, non considerando minimamente le esigenze di tanti pendolari che utilizzano i treni Eav, anche durante il periodo estivo, per raggiungere i propri luoghi di lavoro. Anzi questa decisione li danneggia ancora di più, molti, infatti, saranno costretti giocoforza a ricorrere a mezzi privati, dovendo fare i conti anche con l’aumento dei carburanti. Per tutte queste ragioni ho deciso di inviare una lettera ai vertici Eav per chiedere l’immediato ripristino della tratta ferroviaria».

CRONACA