Andrea Ripa

Fiamme nel colorificio di Terzigno, valori di diossina nell’aria oltre la media

Andrea Ripa,  

Fiamme nel colorificio di Terzigno, valori di diossina nell’aria oltre la media

Valori della diossina oltre la norma. Il report dell’Arpac sulla qualità dell’aria, a seguito dell’incendio divampato nel colorificio di corso Einaudi, di alcuni giorni fa, non lascia spazio a ulteriori interpretazioni. L’immissione nell’aria di materiali potenzialmente tossici, rilasciati a seguito dello spaventoso rogo potrebbe essere causa dell’allarme lanciato dai tecnici dell’agenzia regionale. I valori circa la  presenza di diossina vanno oltre gli standard degli altri centri urbanistici, una quantità superiore rispetto ad altri territori con simili conformazioni. Ecco perché l’allarme tossico in una città come Terzigno resta ancora attivo ed ulteriori approfondimenti con la rilevazione tramite centraline mobili saranno effettuati a partire dai prossimi giorni. «Dal risultato del rapporto di prova si evince che la concentrazione relativa alle diossine e ai furani, espressa come pg/Nm3 I-Teq (picogrammi per normal metro cubo in termini di tossicità totale equivalente) risulta, per il primo ciclo di campionamento, superiore rispetto alle concentrazioni di tossicità equivalente dell’ordine di 0.1 pg/m3 mediamente riscontrabili in ambiente urbano e soggette a grande variabilità», è il report tecnico dell’analisi effettuata negli ultimi giorni da parte dell’agenzia regionale per la tutela ambientale. «er quanto riguarda invece gli inquinanti monitorati attraverso il laboratorio mobile (quali benzene, toluene, xilene, monossido di carbonio, ossidi di azoto, ozono, PM2.5 e PM10) le misure non hanno evidenziato, nel breve periodo monitorato, criticità riconducibili all’incendio». Nel frattempo le mura annerite dall’incendio sono quel che resta del colorificio Rastelli, una struttura distrutta dalle fiamme, la zona – come da disposizione del sindaco Francesco Ranieri – resta ancora interdetta ed è sotto il controllo dei tecnici comunali.

CRONACA