In fiamme 3 auto tra Torre Annunziata e Boscoreale, un video può incastrare la gang

Giovanna Salvati,  

In fiamme 3 auto tra Torre Annunziata e Boscoreale, un video può incastrare la gang

Un video che riprende i malviventi che, in via Gino Alfani, hanno dato fuoco all’autovettura è adesso nelle mani degli inquirenti. È questo l’ultimo elemento che potrebbe fornire una prima pista ufficiale agli investigatori che vogliono dare un volto e un nome a chi, nei giorni scorsi, ha dato alle fiamme una macchina che era in sosta nella curva della movida di Torre Annunziata.

Il video Il video, girato da un privato, pubblicato sui social e poi sequestrato dagli inquirenti, riprenderebbe gli autori del raid nel momento in cui cospargono la vettura del liquido infiammabile e danno fuoco all’auto. Secondo quanto ricostruito dalle forze dell’ordine, l’autore del video stava immortalando il panorama quando sullo sfondo si scorgono delle fiamme. Finito sui social network, il filmato è stato subito acquisito e ora potrebbe diventare prezioso per fornire un risvolto all’inchiesta.

Gli altri roghi C’è anche un altro elemento sul quale stanno lavorando gli inquirenti, ovvero altri roghi appiccati durante la notte. Nel mirino sempre un’autovettura situata nella zona sud di Torre ed un altro rogo a Boscoreale, nel Piano Napoli di via Settetermini. L’ipotesi è che tutti e tre i raid possano essere collegati, non si esclude che tutto rientri nella lotta tra clan per il controllo delle piazze di spaccio. Dopo le ultime retate, infatti, molte zone sono rimaste senza “capo” e così, magari, c’è chi ha deciso di dare il via a una faida pur di conquistare pezzi di territorio e gestire gli affari legati alla droga che rappresentano sempre di più un business economico per la criminalità organizzata.

La lotta tra clan I retroscena poi emersi dalle informative e dalle ordinanze portano alla luce scenari inquietanti con nuovi clan che intendono emergere, famiglie pronte a tutto pur di affermare il proprio potere. E così, le “stese” e i roghi delle auto diventano metodi per generare terrore e conquistare territorio.

CRONACA