Turris, triennale a Aya. Proposto anche Barillà

metropolisweb,  

Turris, triennale a Aya. Proposto anche Barillà

La Turris che da ieri in quel di San Gregorio Magno è ancora in fase di costruzione. La società si sta muovendo per sistemare difesa e centrocampo. In questa ottica è arrivato Antonio Vitiello dal Napoli, il classe 2003 di Torre Annunziata si trasferisce alla corte di Canzi a titolo definitivo firmando un contratto biennale. Tatticamente può ricoprire sia il ruolo di braccetto di destra che di esterno a tutta fascia. Non è un mistero che Primicile stia cercando un leader difensivo. Il nome caldo è quello di Ramzi Aya il cui cartellino è di proprietà della Reggina. I corallini hanno offerto un triennale a cifre top per convincere l’esperto centrale su cui c’è anche la corte spietata dell’Avellino che però propone un ingaggio biennale inferiore ai torresi dal punto di vista economico. Il 32enne riflette attentamente sulle due proposte e nel frattempo tratta con la società amaranto la rescissione del contratto in scadenza nel 2023. Nella zona nevralgica del campo, gli arrivi di Acquadro e Ardizzone non saranno sicuramente gli unici. Nelle ultime ore è stato proposto Antonino Barillà, ma la Turris ha preso tempo. A non convincere del tutto la dirigenza biancorossa sono le condizioni fisiche dell’ex centrocampista di Parma e Alessandria in quanto reduce da un brutto infortunio. Il nome sicuramente piace e non ha bisogno di presentazioni. Il casting resta comunque aperto, la società ha voglia di prendere un altro top. Magari più giovane e fresco di Barillà che al momento resta sullo sfondo e non in prima linea. Intanto c’è grande curiosità nel vedere all’opera Belgacem Hocine. Il giovane francese ha preso parte al ritiro di San Gregorio Magno. Si dice che Canzi sia rimasto folgorato dalle prime giocate nei due giorni di allenamento al Liguori. La Turris resta in attesa, sa che molti dei suoi obiettivi potrebbero arrivare a prezzi stracciati con l’avvicinarsi del mese di agosto quando i loro club d’appartenenza saranno quasi obbligati a cederli per non averli sul groppone. Uno di questi è Riccardo Maniero il quale continua a rifiutare tutte le offerte. Nella sua testa c’è soltanto Torre del Greco, l’ha ripetuto al suo agente ed anche all’Avellino che dovrà accontentare il centravanti per non rischiare di dovergli pagare un ingaggio monstre senza mai utilizzarlo. In tal senso il tempo risulta essere il miglior alleato possibile della società presieduta dal presidente Antonio Colantonio. Ritiro al via Prende il via il ritiro pre-campionato della Turris. Sono 23 i calciatori che, da ieri pomeriggio, si stanno allenando presso il Centro Sportivo Polivalente di San Gregorio Magno (rientro il 3 agosto) agli ordini dello staff tecnico diretto da Massimiliano Canzi. All’esito delle tre giornate di raduno in sede, il trainer milanese ha completato la lista dei convocati con alcuni giovani aggregati alla prima squadra ed il portiere Donini in prova.

Bruno Galvan

CRONACA