Mancano i marittimi, compagnie in crisi: a Torre del Greco si mobilità (anche) il Comune

metropolisweb,  
Dalla città del corallo alla penisola sorrentina: imprese in difficoltà per reclutare uomini, appello dei sindacati

Mancano i marittimi, compagnie in crisi: a Torre del Greco si mobilità (anche) il Comune

Torre del Greco. Le crociere sono full, ma sulle navi delle più importanti compagnie c’è poco personale. Se un tempo c’era la fila di chi era pronto a imbarcare, oggi sono le aziende a dover rincorrere i lavoratori. Con offerte extra per convincerli ad affrontare la stagione estiva a bordo. E mentre le compagnie del trasporto marittimo oggi sono in alto mare, ci sono sempre meno persone disposte ad assumere l’incarico.

Il rischio, sempre più diffuso, è quello di trovare a bordo personale poco qualificato con le aziende costrette ad arruolare chiunque si metta a disposizione pur di garantire il servizio e non cancellare decine di viaggi da migliaia di euro. Un gap lavorativo e professionale che agita il mondo marittimo, con i sindacati di categoria che hanno chiesto anche l’intervento del governo per mettere un argine a quest’emorragia che travolge anche le comunità della fascia costiero-vesuviana, territori ad “alta densità marittima”.

Anche tra Torre del Greco, Ercolano, Portici e la penisola sorrentina la crisi c’è, sempre meno lavoratori di queste zone scelgono la “vita in mare”. Sempre meno cuochi, camerieri e piccoli garzoni per l’assistenza ai clienti. Secondo i recenti numeri sono almeno 1.100 i marittimi italiani e comunitari che mancano all’appello.

Una carenza che desta preoccupazione soprattutto in questo periodo di vacanze. Così le compagnie di navigazione dopo aver atteso invano un assist dal governo sono passate al contrattacco. Da giorni alcune aziende – come la Grimaldi Euromed – hanno cominciato a “offrire bonus economici” per coloro che intendono trascorrere la stagione estiva a bordo. Per chi accetta il lavoro, oltre allo stipendio base, sono previsti ulteriori benefit economici. Si offrono «incentivi economici per diverse figure professionali da impiegare a bordo delle sue navi che solcano il Mar Mediterraneo.

Oltre allo stipendio base previsto dal Ccnl, i marittimi selezionati otterranno: 500 euro lordi per il primo mese di imbarco; 2.000 euro lordi, se effettuano un periodo di imbarco di almeno 100 giorni consecutivi». L’incentivo riguarda «commissari, cuochi, camerieri, piccoli di cucina e garzoni di cucina, piccoli di camera e garzoni di camera».

Intanto a Torre del Greco nei giorni scorsi si è tenuto un incontro in Comune per l’avvio di un progetto sociale che vede i marittimi della città al centro di importanti agevolazioni economiche per acquisire le certificazioni necessarie per l’imbarco.

Secondo la convenzione firmata tra il Comune e le agenzie che hanno risposto alla manifestazione indetta da Palazzo Baronale sono previsti contributi e pacchetti per la formazione dei corsi di aggiornamento professionale a costi ridotti.

CRONACA