Olivera: «Napoli, mi manda Cavani»

metropolisweb,  

Olivera: «Napoli, mi manda Cavani»
foto twitter sscnapoli

“Ho parlato di Napoli in nazionale con Cavani. Mi ha detto cose belle della città e della squadra, e che stavo facendo una buona scelta”. Così Mathias Olivera racconta i giorni che hanno preceduto il suo passaggio dal Getafe al Napoli per 15 milioni di euro, passando per i consigli di un attaccante che fa parte della storia del Napoli. “Qui hanno giocato lui e Fonseca – racconta Olivera – sono passati da questo stadio portando in alto la nostra bandiera dell’Uruguay, spero di poter fare bene anche io e divertirmi insieme ai compagni per il club e per i tifosi”. La prossima sarà la stagione che a dicembre porterà ai Mondiali: “Penso che giocare quest’anno la Champions League e i Mondiali siano opportunità uniche, aspettiamo che arrivino le grandi competizioni che ci aspettano e poi essere in grado di cogliere il momento. Mi farò trovare pronto per la Champions ma ora pensiamo all’inizio della serie A, per essere pronti. Ora il principale obiettivo è di fare bene e aiutare la squadra a fare punti, prendendo le cose passo dopo passo. Per la nazionale punto a essere convocato e avere spazio per giocare ai Mondiali”. Olivera parla del rapporto con il Napoli a partire da Spalletti: “Per me è bello essere qui – dice – i compagni mi hanno trasmesso subito fiducia e sono pronto per fare bene. Anche Spalletti mi ha dato fiducia. La sinistra condivisa con Kvaratskhelia? Lui è uno ‘jugadorazo’, mi trovo benissimo con lui sulla fascia. Il mio obiettivo è conoscere tutti i miei compagni e scoprire cosa hanno da darmi. Ora dobbiamo pensare di fare bene di gara in gara, lo scorso anno il Napoli è arrivato vicino allo scudetto. Bisogna sempre dare il massimo, fissando degli obiettivi più ravvicinati”.

CRONACA