Pompei, la giunta approva la tariffa unica dei taxi contro le truffe

metropolisweb,  

Pompei, la giunta approva la tariffa unica dei taxi contro le truffe

Pompei. Tutelare i turisti ed evitare che, una volta tornati in patria, possano lamentarsi e scrivere sui luoghi di vacanza recensioni negative. E’ una delibera “storica” quella targata targata Giunta Lo Sapio. Un provvedimento, passato in giunta nelle scorse settimane,  col quale si fissa la tariffa unica per i taxi di 3 euro a persona sull’intero territorio comunale. Il documento anti.-truffa che tende a tutelare i turisti è stato approvato nel tardo pomeriggio di giovedì. “E’ emersa la necessità di intervenire in maniera urgente e chiara in merito alla fissazione di una tariffa taxi predeterminata sull’intero territorio comunale”, ha spiegato il Sindaco Carmine Lo Sapio.  “Tale necessità – spiega il primo cittadino – nasce dall’esigenza di tutelare i turisti in visita alla città di Pompei, che arrivano prevalentemente presso la stazione ferroviaria, e si trovano in balia di tariffe non predeterminate o poco chiare. Il presente intervento ha la doppia finalità: di tutelare i turisti ma, contemporaneamente, di beneficiare la cittadinanza che potrà usufruire di tariffe fisse all’interno del territorio comunale”. Ovviamente quello delle truffe ai turisti non è un problema solo di Pompei, ma in generale di quelle piazze che grazie al turismo provano a dare una svolta. Accade però, che in alcuni casi, qualche furbetto dedida di fare e mettere in pratica cose che non sono consentite finendo per fare un danno non solo alla comunità, ma anche a se stessi. L’attenzione delle forze dell’ordine su questa odiosa pratica, quella di cercare di fregare chi viene in vacanza, è sempre stata altissima. E lo dimostrano anche i controlli che, soprattutto in questo periodo e in concomitanza del Ferragosto diventano sempre più serrati. Nei giorni scorsi, infatti,  i carabinieri della stazione di Pompei sono stati impegnati in una serie di servizi di controllo e verifiche finalizzate a contrastare il fenomeno dei tavolini abusivi e taxi truffa per i turisti. I controlli sono scattati in particolare  nella zona vicino all’ingresso del Parco archeologico. I controlli sono stati effettuati a largo raggio sulle principali vie di accesso al Parco di Pompei. Qui i militari hanno scoperto e sanzionato quattro autisti di taxi e Ncc per violazioni al codice della strada e alle ordinanze comunali che disciplinano il trasporto nell’area sottoposta a tutela. Sanzionati anche sette tra bar e ristoranti per l’occupazione abusiva di suolo pubblico.

CRONACA