Turris, Padalino scalza Raffaele e Scienza

metropolisweb,  

Turris, Padalino scalza Raffaele e Scienza

Chi sarà il nuovo allenatore della Turris? Questa domanda se la pongono in tanti nel mondo del tifo corallino apparso piuttosto frastornato dall’esonero di Massimiliano Canzi dopo la presentazione ufficiale. Una decisione che non ha rappresentato il massimo della vita dal punto di vista della tempistica e della comunicazione. Oggi riprende la preparazione allo stadio Amerigo Liguori in vista del debutto in campionato di domenica sera che vedrà i torresi affrontare la Virtus Francavilla. Il toto allenatore è ancora nel vivo. Se fino a lunedì mattina sembravano giocarsi la panchina uno tra Giuseppe Raffaele e Giuseppe Scienza, adesso è spuntato anche il nome di Pasquale Padalino. L’ex allenatore di Siena e Juve Stabia è stato contattato nella giornata di ieri dando la sua disponibilità a guidare la Turris in questa stagione. La trattativa dunque è aperta, ma al momento non è chiusa. Bisogna trovare la giusta quadra dal punto di vista economico ed anche dello staff. La Turris, lo ricordiamo, ha già a libro paga Canzi e dovrà necessariamente accollarsi un altro ingaggio. Le richieste economiche di Padalino non sono per niente basse. La diplomazia è al lavoro per provare a trovare un’intesa totale. Colantonio dovrà fare uno sforzo economico se vorrà chiudere realmente la partita portando subito a Torre l’allenatore.

Scienza e Raffaele in stand by Dunque, come spesso accade nel calcio, non mancano i colpi di scena. Scienza aveva accarezzato per qualche ora la panchina della squadra di Torre del Greco ma l’anno di contratto con la Pro Vercelli ha rallentato (quasi definitivamente) il discorso. Il tecnico avrebbe dovuto prima rescindere con i piemontesi per poi trovare un accordo con Colantonio. La Turris non ha tutto questo tempo a disposizione perché l’inizio del campionato è dietro l’angolo. Chi resta invece sullo sfondo è Raffaele, anche lui contattato due giorni fa. A spingere per questa scelta è Daniele Flammia il quale lo ha avuto con sé ai tempi del Potenza. Non risultano per adesso contatti con Francesco Baldini che non ha mai sentito nessuno da Torre del Greco. In lista, seppur molto defilato, c’è anche Marchionni recentemente licenziato dal Novara dopo la promozione in Lega Pro.

Caos A prescindere da come andrà la storia dell’allenatore, la Turris ha decisamente sbagliato i tempi e la gestione di questa vicenda. Quando decidi di esonerare un tecnico dopo una presentazione, devi avere subito avere pronto il sostituto altrimenti significa che hai preso una scelta di pancia senza avere un minimo di programmazione. Ogni minuto perso è un danno tecnico per una squadra che si ritrova in campo con il paradosso di preparare una gara di campionato con una guida ad interim come Lorenzo Salvatore. La sensazione è che entro 24-48 ore si chiuderà questa situazione davvero paradossale. Colantonio ha sempre parlato di voler alzare la famosa asticella per una Turris sempre più competitiva. Gli acquisti hanno confermato queste intenzioni, ma da soli non bastano. Rispetto al recente passato sembra ci sia un po’ di confusione nelle scelte dirigenziali.

bruno galvan

CRONACA