Gragnano. 13enne morto dopo una caduta dal balcone di casa: in chat insulti e minacce

Redazione,  

Gragnano. 13enne morto dopo una caduta dal balcone di casa: in chat insulti e minacce

GRAGNANO – Minacce, insulti e perfino inviti al suicidio (“devi ucciderti” sarebbe il contenuto di un sms). Che potrebbero avere spinto il ragazzo di 13 anni morto giovedì a Gragnano  dopo essere precipitato dalla finestra del suo appartamento al quarto piano di uno stabile di via Lamma, a prendere la decisione di togliersi la vita. Sarebbero contenuti  in chat segrete rinvenute nel cellulare in uso al giovane, telefonino posto sotto sequestro dai carabinieri dopo il drammatico episodio.

Il messaggio alla fidanzatina

Il tredicenne avrebbe inviato un ultimo messaggio alla fidanzatina, con poche parole di addio che avrebbero chiarito agli inquirenti le ragioni di una morte all’inizio apparsa come accidentale.

Le indagini

Le indagini, condotte dalla Procura di Torre Annunziata e dai militari dell’Arma della stazione di Gragnano, si concentrano su una ipotesi di istigazione al suicidio e starebbero facendo emergere un quadro inquietante dietro il decesso del tredicenne. Stando a quanto trapela, sarebbero già stati individuati i primi autori dei messaggi, alcuni dei quali sarebbero minori, tanto che della vicenda sarebbe stata interessata anche la competente Procura. Nel frattempo si resta in attesa di conoscere la decisione degli inquirenti in merito all’effettuazione o meno dell’autopsia: il corpo di Alessandro resta sotto sequestro nell’obitorio di Castellammare di Stabia a disposizione dell’autorità giudiziaria.

Solo dopo avere sciolto i nodi legati all’esame autoptico, sarà possibile effettuare i funerali, giorno nel quale – come ha già annunciato il sindaco di Gragnano, Nello D’Auria – l’amministrazione comunale proclamerà il lutto cittadino.

 

CRONACA