Turris, è già Maniero mania. Un gol che sa di liberazione

metropolisweb,  

Turris, è già Maniero mania. Un gol che sa di liberazione

Un’attesa lunga 227 giorni. La zampata, la corsa verso il settore ospiti del Curcio tutto rosso con tanto di arrampicata sul reticolato. Quella di Maniero non è stata un semplice gol da tre punti bensì una vera e propria liberazione. Lo avevano dato per finito, messo in cattiva luce. Come se il fallimento della passata stagione dell’Avellino fosse stato colpa sua. Ha passato mesi difficili sotto l’aspetto ambientale. In ritiro si è sentito dire di tutto da quei tifosi che qualche mese prima lo idolatravano. Da Picerno parte il messaggio forte e chiaro di Maniero verso chi lo ha messo ai margini. La sua esultanza ha fatto felici non solo i tifosi corallini, ma l’intero mondo Turris che fin dal primo giorno della riapertura del calciomercato non ha mai smesso di credere nell’acquisto di uno dei centravanti più decisivi della Lega Pro. Padalino se lo coccola, ne apprezza le doti tecniche e soprattutto umane. Riccardo si sta dimostrando un ragazzo umile e dalla grande maturità. Il centravanti, con tanta schiettezza, nel post-gara del Curcio ha ammesso candidamente di non essere in una forma ancora accettabile ma che sta lavorando sodo per riprendere quel ritmo gara che giocoforza gli manca dopo aver vissuto ai margini il ritiro con l’Avellino. In allenamento è sempre davanti al gruppo a tirare, come si dice in gergo, la carretta. Vuole ripagare l’affetto e la fiducia di una società che già in passato ha dimostrato di saper tirare a lucido calciatori ritenuti ormai in fase discendente. Maniero ha trovato a Torre del Greco l’habitat naturale per riscattarsi. D’altronde ha sempre voluto solo e soltanto la maglia rosso corallo rifiutando offerte da altri gironi anche ben più ricche dal punto di vista economico. Padalino spera come tutti di poterlo vedere nel giro di qualche settimana a pieno regime. L’auspicio è che possa far diventare Riccardo come quel Marotta che alla Juve Stabia, sotto la guida tecnica dell’allenatore foggiano, fece numeri da capogiro. D’altronde la domanda nasce spontanea: se il numero 19 al 60% fa già la differenza, cosa potrà fare una volta che avrà una condizione fisica migliore? Intanto a Torre è già scoppiata la Maniero mania. Tutti gli dedicano post social, fotografie e non solo. Un’intera città ai piedi di questo attaccante che può regalare ancora tante soddisfazioni ad una tifoseria che ha sete di poter vedere una Turris sempre più in alto.

Bruno Galvan

CRONACA