Castellammare. Amianto all’Avis, il caso arriva in Parlamento

metropolisweb,  

Castellammare. Amianto all’Avis, il caso arriva in Parlamento

L’eco della denuncia shock dell’ex operaio Avis arriva anche a Roma. Precisamente alla Commissione parlamentare di inchiesta sulle attività illecite connesse al ciclo dei rifiuti e su illeciti ambientali ad esse correlati. E’ lo stabiese Antonio Sicignano, consulente del pool di parlamentari e forze dell’ordine, a sollevare il caso e portarlo sul tavolo romano. La denuncia riguarda l’amianto interrato nella fabbrica dismessa di via Napoli, attiva fino ai primi anni 2000 e definita ormai una vera e propria bomba ecologica. Le rivelazioni sul sotterramento della fibra killer nel reparto 13 dello stabilimento sono di un ex operaio, Ernesto Stile, che attraverso le colonne di Metropolis ha indicato il punto esatto in cui è stato compiuto lo scempio ambientale agli inizi degli anni ‘90. Il dipendente in pensione è uno dei pochi testimoni oculari dell’interramento di amianto nelle ore notturne. 

+++ L’ARTICOLO COMPLETO SU METROPOLIS DI OGGI +++

CRONACA