Capri sorride, riecco la mini-ambulanza in piazzetta

metropolisweb,  

Capri sorride, riecco la mini-ambulanza in piazzetta

Capri si “riappropria” della sua piccola ambulanza. Dopo quasi un mese di pausa forzata, il veicolo elettrico in dotazione al servizio del 118 per gli interventi domiciliari lungo le strade pedonali e le zone alte dell’isola azzurra, è tornato in funzione. Il lungo stop aveva suscitato numerose reazioni e polemiche anche perché in alcuni casi in assenza del mezzo era stata vista l’equipe medica inerpicarsi a piedi verso la parte alta del monte Tiberio per rispondere alla richiesta di pronto intervento. Una tempistica che aveva preoccupato non poco la cittadinanza poiché poteva rivelarsi fatale.
Il sindaco di Capri Gianni De Martino aveva anche scritto agli enti competenti sottolineando il carattere di assoluta urgenza visto che il mezzo in questione è l’unico autorizzato al pronto soccorso nelle aree pedonali. A supplire all’assenza in questo periodo sono stati gli autisti volontari della “San Vincenzo de Paoli” ai quali il primo cittadino aveva inviato i ringraziamenti a nome della cittadinanza per la disponibilità mostrata nei confronti delle esigenze del territorio. Il parroco di Capri, Don Carmine Del Gaudio, aveva addirittura invocato l’intervento del ministro della salute Beatrice Lorenzin che aveva conosciuto personalmente lo scorso settembre in occasione del matrimonio dell’esponente del governo Gentiloni celebrato sull’isola nella chiesetta di Sant’Andrea a Marina Piccola. Sul caso dell’ambulanzina caprese fuori uso erano intervenuti anche i Verdi Campania e il gruppo regionale del Movimento Cinque Stelle sollecitando un intervento dell’ente di Palazzo Santa Lucia. Due consiglieri pentastellati nei giorni scorsi sono anche sbarcati sull’isola azzurra proprio con mission la sanità caprese. Ieri l’atteso intervento di riparazione e revisione generale è stato completato. La piccola ambulanza ha fatto ritorno a Capri con i vetri sostituiti, pneumatici e lampeggianti nuovi. In piazzetta gli autisti e il personale sanitario hanno anche effettuato alcune prove per rendere effettivo il collaudo e far tornare operativo e in piena attività il mezzo.

CRONACA