Vigile urbano per un giorno, caos a Palma Campania. Atti revocati dopo l’assunzione

Redazione,  

Vigile urbano per un giorno, caos a Palma Campania. Atti revocati dopo l’assunzione

Assunto come vigile urbano dal Comune di Palma Campania indossa la divisa per appena 24 ore. Poi l’amministrazione annulla gli atti, quel posto nella polizia locale era in più. Ha rischiato di trasformarsi in un concorso beffa quello per l’assunzione di agenti nella polizia municipale bandito dall’Ente di piazza De Martino nell’estate del 2020 e finito davanti ai giudici del tribunale amministrativo della Campania. I magistrati hanno disposto il reintegro del vigile urbano assunto e silurato in appena 24 ore dal Comune giudicando non idoneo il provvedimento di annullamento della delibera deciso dai vertici della squadra di governo locale. «Argomentazioni inidonee a sorreggere un provvedimento di revoca, la procedura concorsuale era ormai giunta a conclusione con l’individuazione del vincitore», hanno scritto i magistrati nella sentenza pubblicata poche settimane fa su una vicenda alquanto singolare. «La scelta dell’amministrazione non ha tenuto conto anche del fatto che la spesa per retribuire i componenti della Commissione di concorso (8mila euro, ndr) era già stata effettuata e che, revocando la procedura concorsuale, tale spesa sarebbe risultata vana». Le tappe cruciali del concorso tra febbraio e marzo scorso. Il 25 febbraio l’esito dell’esame superato, il 10 marzo la commissione esaminatrice dà il via libera all’assunzione. Il giorno successivo la giunta comunale guidata dal sindaco Nello Donnarumma comunica all’ufficio del personale di provvedere a «revocare» le procedure di selezione per il reclutamento di un vigile urbano a tempo determinato. Il 12 marzo la determina di revoca dell’intera procedura concorsuale. Da lì il ricorso presentato dal giovane che aveva vinto il concorso e poi è stato mandato via. Recentemente l’amministrazione comunale di Palma Campania nel piano di fabbisogno del personale, senza tenere conto della sentenza dei giudici del Tar della Campania, ha presentato una modifica non inserendo l’assunzione del vigile urbano, protagonista della vicenda.

CRONACA