Premio Top Utility Sud alla Gori. L’azienda si distingue per sostenibilità, innovazione e perfomance operative

Redazione,  

Premio Top Utility Sud alla Gori. L’azienda si distingue per sostenibilità, innovazione e perfomance operative

È GORI la migliore tra le utility del settore idrico operanti nel Mezzogiorno. L’Azienda, infatti, è stata
premiata questa mattina, durante la nona edizione del premio Top Utility, nell’ambito dello studio su
“Le performance delle utility italiane. Analisi delle cento maggiori aziende dell’energia, dell’acqua,
del gas e dei rifiuti”: un’iniziativa promossa da Althesys in collaborazione con Utilitalia, al fine di
valutare le performance delle aziende dei servizi di pubblica utilità, riconoscendo le eccellenze,
cogliendo le dinamiche competitive e proponendo idee e progettualità per affrontare al meglio gli
scenari futuri. Nell’ambito della categoria SUD, GORI è stata premiata per le performance legate
alla gestione caratteristica aziendale, in un contesto complesso e articolato. Un riconoscimento che
tiene conto non solo degli investimenti e degli sforzi compiuti per migliorare l’operatività, ma anche
dell’attenzione sempre maggiore rivolta al territorio e alla comunità, declinata in una serie di azioni
di sostenibilità ambientale, tra cui quelle messe in campo per il risanamento del bacino idrografico
del fiume Sarno e per la lotta all’utilizzo della plastica monouso, tutte raccontate all’interno del
primo Bilancio di Sostenibilità, redatto secondo i GRI Standards e certificato da PWC.
“Un premio che ci riempie di orgoglio e di entusiasmo perché testimonia la virtuosità della nostra
gestione. Pur operando in condizioni veramente complesse, con limitate risorse finanziarie e in
contesti di governance locale ancora poco maturi, grazie all’interazione costante con i territori siamo
cresciuti e divenuti un motore di sviluppo sociale e ambientale” il commento del Presidente di GORI,
Michele Di Natale.
Una crescita che però, per essere condivisa e superare le sfide che attendono il Meridione, passa
anche attraverso lo sviluppo di uno schema regolatorio su base industriale.
“È necessario promuovere un quadro di governance chiaro e affidabile per il superamento del gap
infrastrutturale che affligge il Meridione. È fondamentale che ARERA, l’Autorità di Regolazione per
Energia, Reti e Ambiente, organizzi un apposito ufficio che si occupi del SUD, ascoltando le
problematiche dei gestori e dei regolatori locali, e intervenendo per rafforzare ed accelerare la
crescita, al fine di superare la frammentazione esistente e normalizzare la governance delle gestioni”
conclude l’Amministratore Delegato di GORI, Giovanni Paolo Marati.

CRONACA