Droga: 14 chili nascosti in casa, tre arresti. Massicci controlli nel Vesuviano

Redazione,  

Droga: 14 chili nascosti in casa, tre arresti. Massicci controlli nel Vesuviano

TORRE ANNUNZIATA – Tre persone arrestate, due denunciate, 14 chili di droga sequestrati e raffica di sanzioni per il mancato rispetto delle restrizioni anti-Covid. È l’esito di una serie di controlli a tappeto voluti dal comando provinciale dei carabinieri di Napoli che ha interessato la città di Torre Annunziata e i comuni limitrofi e ha visto impegnati i militari della compagnia di Torre Annunziata insieme a quelli del reggimento Campania e del nucleo cinofili di Sarno.

In particolare a Boscoreale tre persone, un uomo di 28 anni già noto alle forze dell’ordine e due coniugi – lei 31 anni incensurata, lui un anno più grande e con precedenti – sono state arrestate per detenzione di stupefacente ai fini di spaccio. L’attenzione dei carabinieri si è concentrata su un immobile nella disponibilità dei tre, utilizzato come deposito di droga.

Durante la perquisizione, effettuata anche con l’ausilio delle unità cinofile, sono stati rinvenuti e sequestrati due borsoni contenenti 13 chilogrammi di marijuana, un chilo di hashish e quasi sette grammi di cocaina. Trovati anche 19.995 euro in banconote di vario taglio nascoste tra alcuni maglioni in camera da letto.

Trovati anche manoscritti per l’illecita attività e la relativa contabilità. Risultato inutile il tentativo dei coniugi di disfarsi di una parte dello stupefacente gettandolo dalla finestra del bagno, visto che le forze dell’ordine avevano circondato lo stabile.

A San Giuseppe Vesuviano, un uomo di 63 anni già noto alle forze dell’ordine è stato denunciato per violazione di sigilli e smaltimento illecito di rifiuti. Il sessantatrenne aveva riattivato illecitamente un opificio già sottoposto a sequestro per precedenti violazioni: i militari hanno trovato al lavoro quattro operai, anche loro denunciati per violazione di sigilli. Sempre a San Giuseppe Vesuviano è stato individuato un giovane di 24 anni in possesso di un costoso smartphone dagli accertamenti risultato provento di furto. L’uomo è stato denunciato per ricettazione. Nel corso del servizio sono state controllate 135 persone e 46 veicoli. Nell’ambito delle verifiche sul rispetto del codice della strada sono state contestate sette contravvenzioni. Specifica attenzione infine è stata rivolta alla verifica del rispetto delle norme anti-contagio, con 15 sanzioni elevate a carico di altrettante persone controllate, tutte sorprese fuori dal proprio comune di residenza senza comprovati motivi di necessità, lavoro o salute.

CRONACA